Print Friendly, PDF & Email

lantidiplomatico

L'antifascismo di oggi è il nuovo oppio dei popoli

Serve a proteggere il capitalismo globalizzato

di Slavoj Žižek

Il panico dell’antifascismo di oggi non porta speranza. La speranza la uccide. La speranza che saremo in grado di poterci libare veramente della minaccia del populismo razzista

La formula di Marx di religione come l'oppio dei popoli ha bisogno oggi di un serio ripensamento. È vero che l'Islam radicale resta un modello esemplare di religione come oppio del popolo - un falso confronto con la modernità capitalista che permette ad alcuni musulmani fondamentalisti di dimorare nel loro sogno ideologico mentre i loro paesi sono devastati dagli effetti del capitalismo globale - ed esattamente lo stesso vale per il fondamentalismo cristiano.

Tuttavia, ci sono oggi, nel nostro mondo occidentale, altre due versioni dell'oppio dei popoli: l'oppio e il popolo.

Come ha dimostrato Laurent de Sutter, la chimica (nella sua versione scientifica) sta diventando parte di noi: ampi aspetti della nostra vita sono caratterizzati dalla gestione delle nostre emozioni da parte della droga, dall'uso quotidiano di sonniferi e antidepressivi a narcotici pesanti. Non siamo solo controllati da impenetrabili poteri sociali; le nostre stesse emozioni sono "esternalizzate" alla stimolazione chimica.

La posta in gioco di questo intervento chimico è duplice e contraddittoria: usiamo farmaci per tenere sotto controllo l'eccitazione esterna (shock, ansie e così via), cioè ci desensibilizziamo per generare eccitazione artificiale se siamo depressi e non desideriamo.

Come dimostra l'ascesa del populismo, l'oppio del popolo è "il popolo" stesso, il sogno populista sfocato destinato a offuscare i nostri stessi antagonismi. Tuttavia, voglio aggiungere a questa serie anche lo stesso antifascismo.

Un nuovo spettro sta perseguitando la politica progressista in Europa e negli Stati Uniti, lo spettro del fascismo. Trump negli Stati Uniti, Le Pen in Francia, Orban in Ungheria sono tutti demonizzati come il nuovo male verso il quale dovremmo unire tutta la nostra forza. Ogni minimo dubbio e riserva è immediatamente visto come un segno di segreta collaborazione con il fascismo.

In un'intervista significativa per Der Spiegel pubblicata nell'ottobre 2017, Emmanuel Macron ha fatto alcune dichiarazioni, subito accolte con entusiasmo da tutti coloro che vogliono combattere la nuova destra fascista: "Ci sono tre modi possibili per reagire ai partiti estremisti di destra. Il primo è quello di comportarsi come se non esistessero e di non rischiare più di prendere iniziative politiche che potrebbero portare queste parti contro di te. Questo è successo molte volte in Francia e abbiamo visto che non funziona. Le persone che in realtà speri di sostenere non si vedono più nei discorsi del tuo gruppo. E permette all'ala destra di costruire il suo pubblico. La seconda reazione è quella di dare la caccia a questi partiti estremisti di destra in fascino ... e la terza possibilità è di dire che queste persone sono i miei veri nemici e coinvolgerli in una battaglia. Esattamente questa è la storia del secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia ".

Mentre la posizione di Macron è encomiabile, è fondamentale completarla con una svolta autocritica. L'immagine demonizzata di una minaccia fascista serve chiaramente come un nuovo feticcio politico, feticcio nel semplice senso freudiano di un'immagine affascinante la cui funzione è di offuscare il vero antagonismo.

Il fascismo stesso è immanentemente feticista: ha bisogno di una figura come quella di un ebreo, elevata nella causa esterna dei nostri problemi: una tale figura ci permette di offuscare i veri antagonismi che attraversano le nostre società.

Esattamente lo stesso vale per la figura di "fascista" nell'odierna immaginazione liberale: consente alle persone di offuscare le situazioni di stallo che stanno alla base della nostra crisi.

E così nelle ultime elezioni in Francia, ogni scetticismo di sinistra su Macron è stato immediatamente denunciato come sostegno a Le Pen: l'eliminazione della sinistra era il vero scopo dell'operazione e il nemico demonizzato era un utile sostegno per sostenere questa eliminazione.

La paura di non scendere a compromessi con l’estrema destra può infangare il livello a cui siamo già compromessi. Si dovrebbe salutare ogni segno di questa riflessione autocritica che sta gradualmente emergendo e che, pur rimanendo completamente antifascista, getta anche uno sguardo critico sulle debolezze della sinistra liberale.

Quando ho richiamato l'attenzione su come parti dell’estrema destra sono in grado di mobilitare le questioni della classe lavoratrice trascurate dalla sinistra liberale, sono stato, come previsto, immediatamente accusato di invocare una coalizione tra sinistra radicale e destra fascista, che è esattamente quello che non ho proposto. Il compito da fissarci è quello di interrompere la fornitura di ossigeno della classe operaia all'estrema destra rivolgendosi al proprio elettorato. Il modo per raggiungere questo obiettivo è spostarsi più a sinistra con un messaggio critico più radicale - in altre parole, fare esattamente quello che stavano facendo Sanders e Corbyn e che spiega il successo relativo.

Lo stesso vale per il tema dei rifugiati. I rifugiati per lo più non vogliono vivere in Europa; vogliono una vita decente nella loro di casa. Invece di lavorare per raggiungere questo obiettivo, le potenze occidentali trattano il problema come una "crisi umanitaria" i cui due estremi sono l'ospitalità e la paura di perdere il nostro stile di vita. In tal modo creano un conflitto pseudo-culturale tra i rifugiati e le popolazioni locali della classe operaia, coinvolgendoli in un falso conflitto che trasforma una lotta politica ed economica in uno "scontro di civiltà".

La triste prospettiva che ci attende è quella di un futuro in cui, ogni quattro anni, saremo gettati nel panico, spaventati da una qualche forma di "pericolo neofascista", e in questo modo ricattati per esprimere il nostro voto per il " candidato "civilizzato" in elezioni prive di significato senza una visione positiva.

Nel frattempo, potremo solo dormire nell'abbraccio sicuro del capitalismo globale dal volto umano. L'oscenità della situazione è da far perdere il fiato: il capitalismo globale ora si presenta come l'ultima protezione contro il fascismo, e se cerchi di farlo notare sei accusato di complicità con il fascismo.

Il panico dell’antifascismo di oggi non porta speranza. La speranza la uccide. La speranza che saremo in grado di poterci libare veramente della minaccia del populismo razzista.


Traduzione de l'AntiDiplomatico 
Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh