Print Friendly, PDF & Email

contropiano2

Rompere l’Unione europea, un’occasione per i lavoratori

di Vladimiro Giacché

“E’ possibile uscire (dalla crisi) con una maggiore e migliore integrazione europea oggi?”

Lo Stato europeo è impossibile. Lo dicono tutti. E’ l’unica cosa su cui in Europa i popoli sono d’accordo con i loro governanti. I trattati hanno un contenuto di classe molto preciso che si è poi tradotto in politiche. Non è che i trattati erano buoni e le politiche sono state cattive come ci siamo illusi che fosse.

I trattati si possono cambiare? Non si possono cambiare. Per un motivo molto semplice, perché si cambiano all’unanimità e basta la Lettonia contraria e non cambi una virgola. E se si cambiano è più facile che si cambino contro di noi che a nostro favore, ad esempio costituzionalizzando il Fiscal Compact che è un delirio dal punto di vista economico, che sarà oggetto di studio nelle scuole nei secoli a venire.

Perché pensare che nella crisi più grave da quella degli anni ’30 si possa pensare di reagire con politiche pro-cicliche distruggendo l’investimento pubblico è una roba che pertiene a un ospedale psichiatrico.

Però ancora ragioniamo nel dire: “è orribile, però se mi levate quello 0,2 poi ci posso anche stare”….NO! Questa roba non può funzionare così. Perché un Paese che ha un 130% di debito pubblico non può permettersi di ridurre il debito del 5% annuo per 20 anni. E’ una roba che non sta né in cielo né in terra. Che è una roba demenziale lo hanno detto i giornalisti del Financial Times.

Rendiamoci conto che viviamo una situazione in cui un establishment non italiano ma europeo vive completamente staccato dalla realtà che non sia quella che gli raccontano gli amministratori delegati delle grandi corporation che li pagano.

Carta di Nizza: è molto peggiore della nostra Costituzione e l’unico articolo che conta per quanto riguarda i valori e i diritti è il 119 e il 127 del TFUE (lo hanno addirittura scritto 2 volte), in cui si dice che tra le politiche economiche la principale è la stabilità dei prezzi. Una volta ottenuta quella si pensa a tutto il resto. Cioè ci teniamo la disoccupazione all’11% vita natural durante.

Se questo non si può fare, la deflazione salariale come strumento competitivo interno è inevitabile. Possiamo avere un movimento operaio fortissimo che impone una cosa diversa. Dal giorno dopo accumuliamo debito con l’estero e dopo 1 anno ritorniamo al punto di partenza. Bisogna riflettere su questo punto perché o non è così ma se è così, tu devi uscire da questo meccanismo perché se no sei fregato.

Sono favorevole allo smantellamento di un’area valutaria che è stata costituita su un presupposto sbagliato. Cioè che potesse funzionare anche in presenza di un forte dislivello di competitività tra i Paesi membri. Ci hanno detto che avrebbe avvicinato i Paesi, ma invece ha aumentato le divergenze, come era scritto in tutta la letteratura economica sensata su questo argomento. Mundell, che ha vinto un Nobel sulle aree valutarie ottimali, disse che l’euro è come Reagan in Europa.

Se la moneta unica non funziona, perché amplia le divergenze tra gli Stati, allora i casi sono due: o tu la mantieni creando delle colonie interne (come accaduto in Grecia e ora da noi), oppure salta da sola perché non tiene, perché si creano delle tensioni tra i Paesi che portano a questo.

Faranno di tutto per tenerla in piedi, esercito europeo incluso. Tutti i casi di unioni valutarie tra Paesi con forza economica diversa sono finite con la distruzione della capacità produttiva del Paese più debole.

Trump è l’elemento nuovo. Perché Trump sta rompendo il giocattolo del mercantilismo tedesco applicato all’Europa. Trump dice che il mercantilismo è una politica commerciale sleale perché è parassitaria rispetto alla domanda di un’altra parte del mondo e voi sulla domanda non fate abbastanza. Sta per chiudersi l’unica possibilità di uscita dalla crisi.

Una possibilità di uscita dalla crisi è che l’Europa diventi una grande Germania, mercantilista, che esporta deflazione salariale nel resto del mondo e che inonda coi suoi prodotti il resto del mondo. Questa è la strada che è stata costruita. Ma oltre a trovare un limite all’interno dell’Area sta trovando un limite all’esterno (Trump).

Infine: uscire dall’euro. Tutti partono dal presupposto che se l’Italia esce dall’euro ci troviamo con l’Italia da una parte, isolata nel mondo, e dall’altra parte il resto dell’euro.

NO! Se l’Italia esce dall’euro, l’euro dura 2 giorni se va bene. Il fatto che il terzo Paese dell’Area la abbandoni crea un tale sconquasso per cui la Francia esce il giorno dopo e si dispiace di non essere uscita il giorno prima.

Quindi l’uscita dall’euro va valutata sulla base di questo scenario (fine dell’euro) e non di quell’altro. Bisogna dire che succede se si torna alle monete nazionali. E’ un dramma? La Polonia ha una moneta nazionale. Idem per Ungheria, Svezia, ecc.. Normalmente chi si oppone dice che senza l’euro c’è la guerra. Il che non spiega come mai non ci sia una guerra in corso tra la Polonia e la Germania, ad esempio.

Per avere il welfare occorre uno Stato in grado di monetizzare il debito. Di non avere il debito espresso in valuta straniera. Dobbiamo prendere la strada opposta rispetto a Maastricht.

L’unico Paese le cui classi dirigenti sono europeiste a prescindere è il nostro! Questo spiega anche il 4 marzo. E’ stata sconfitta una “sinistra” che è diventata testimonial del capitale, dell’internazionalismo del capitale, non di quell’altro. Dopo aver smantellato tutti i diritti non meritava il voto degli operai.

L’unificazione del lavoro comincia a casa propria. Non riusciamo a unificare i lavoratori Whirpool italiani e ci poniamo il problema di unificare i lavoratori italiani con quelli tedeschi, il cui sindacato ha firmato l’accordo col Governo grazie al quale ci hanno spianato con le loro esportazioni.

Pin It

Comments   

#1 Vincesko 2018-05-04 20:44
Citazione: “Carta di Nizza: è molto peggiore della nostra Costituzione e l’unico articolo che conta per quanto riguarda i valori e i diritti è il 119 e il 127 del TFUE (lo hanno addirittura scritto 2 volte), in cui si dice che tra le politiche economiche la principale è la stabilità dei prezzi. Una volta ottenuta quella si pensa a tutto il resto. Cioè ci teniamo la disoccupazione all’11% vita natural durante”.

Fesseria cosmica duplice. 1. La stabilità dei prezzi è l’obiettivo principale della politica monetaria (di competenza della BCE), NON della politica economica (di competenza degli Stati), e tale principio è stato introdotto nei trattati UE solo a partire dal Trattato di Lisbona, per forte impulso ovviamente della Germania (che presiedeva il semestre europeo). 2. I valori e i diritti sono statuiti, oltre che dal preambolo, dal fondamentale art. 3 del TUE (citato anche nell’art. 127, che è travasato nell’art. 2-Obiettivi, al plurale, dello Statuto della BCE, protocollo 4 dopo il trattato di Lisbona https://www.ecb.europa.eu/ecb/legal/pdf/c_32620121026it._protocol_4pdf.pdf, che fu una condizione imposta dalla Germania fin dall’inizio per adottare l’Euro, attuata dalla Commissione Delors, su indicazione del Comitato dei governatori delle banche centrali, da essa appositamente costituito, sul modello dello statuto della Bundesbank, MA NON DEL TUTTO).

Articolo 119 (ex articolo 4 del TCE)
1. Ai fini enunciati all'articolo 3 del trattato sull'Unione europea, l'azione degli Stati membri e dell'Unione comprende, alle condizioni previste dai trattati, l'adozione di una politica economica che è fondata sullo stretto coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri, sul mercato interno e sulla definizione di obiettivi comuni, condotta conformemente al principio di un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza.
2. Parallelamente, alle condizioni e secondo le procedure previste dai trattati, questa azione comprende una moneta unica, l'euro, nonché la definizione e la conduzione di una politica monetaria e di una politica del cambio uniche, che abbiano l'obiettivo principale di mantenere la stabilità dei prezzi e, fatto salvo questo obiettivo, di sostenere le politiche economiche generali nell'Unione conformemente al principio di un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza […].

“Capo 2 Politica monetaria
Articolo 127 (ex articolo 105 del TCE)
1. L'obiettivo principale del Sistema europeo di banche centrali, in appresso denominato "SEBC", è il mantenimento della stabilità dei prezzi. Fatto salvo l'obiettivo della stabilità dei prezzi, il SEBC sostiene le politiche economiche generali nell'Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell'Unione definiti nell'articolo 3 del trattato sull'Unione europea. Il SEBC agisce in conformità del principio di un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza, favorendo una efficace allocazione delle risorse e rispettando i principi di cui all'articolo 119”.
http://register.consilium.europa.eu/pdf/it/08/st06/st06655-re07.it08.pdf

(Per maggiori dettagli, leggi, tra gli altri, con vari altri link all’interno:
Replica alla seconda risposta della BCE alla petizione sulla BCE
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2859155.html oppure (se in avaria)
http://vincesko.blogspot.com/2017/12/replica-alla-seconda-risposta-della-bce_20.html).
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh