Print
Hits: 277
Print Friendly, PDF & Email

manifesto

Il Manama night club

di Michele Giorgio

Prostitute asiatiche in semi schiavitù, quartieri a luci rosse e alcol: per i soldati occidentali e i ricchi sauditi il Bahrain è il paese dei balocchi. La sola cosa davvero proibita è la democrazia

Rami sorride mentre mostra gli smartphone più costosi ai clienti sauditi entrati nel suo negozio. Parla un buon inglese e ci sa fare. Con un piccolo sconto e una spiegazione tecnica particolareggiata convince senza fatica i due ad acquistare il telefono di una nota marca che ha tra le mani.

«SONO DEL KERALA, la maggior parte degli indiani che vivono e lavorano qui sono del Kerala», ci dice riferendoci che le recenti inondazioni non hanno toccato il suo villaggio. Rami è uno dei 300mila lavoratori stranieri in Bahrain, circa un terzo della popolazione totale del minuscolo arcipelago del Golfo. Quasi tutti orientali.

È raro incontrare i bahraniti arabi in via al Khalifa e a Bab Bahrain e il centro di Manama appare una piccola India con qualche spruzzo di Pakistan, Sri Lanka e Filippine.

Il profumo delle spezie è penetrante. Tessuti, oggetti e alimenti arrivati dall’Oriente sono il tema dominante nelle strette viuzze della zona. E asiatici sono i commercianti di perle, anche se quella che un tempo lontano era l’orgoglio dei pescatori bahraniti oggi è solo un’attività marginale in un paese che pretende di essere un hub finanziario e che nelle sue costruzioni più recenti imita i più ricchi Emirati e l’alleata Arabia saudita.

«SI GUADAGNA BENE. Di solito si resta qui 3-4 anni poi si torna a casa. I sauditi sono i nostri migliori clienti, spendono parecchio e questo ci aiuta a mettere da parte quanto serve per comprare una piccola casa una volta rientrati in patria», ci spiega Rami.

Ma non è oro tutto quello che luccica.

«Purtroppo – aggiunge – tante ragazze orientali finiscono nel giro della prostituzione, il motivo principale per cui tanti maschi sauditi e di altri paesi del Golfo arrivano qui il giovedì sera è quello di bere alcol e cercarsi una prostituta».

Parole che trovano conferma negli hotel del centro di Manama. Uomini in abiti tradizionali, spesso anziani, giunti in gran parte dall’Arabia saudita – grazie al ponte che collega i due paesi – si accompagnano a ragazze asiatiche con le quali, quasi sempre, finiscono in una stanza di hotel per sesso a pagamento. E bevono tanto.

«Se non vuoi correre rischi allora non guidare a Manama la domenica e il lunedì sulle tangenziali – ci avverte una conoscente – perché tanti sauditi ancora alle prese con gli effetti della sbornia si mettono al volante per tornare a casa». Il Bahrain, aggiunge accennando un sorriso «è ormai da anni il luna park dei sauditi, quello che i sauditi non possono fare a casa loro vengono a farlo qui, ciò che è proibito nel loro paese è consentito qui».

L’accesso facile all’alcol e alla prostituzione contrastano con le severe leggi in vigore nel paese. In Bahrain la minoranza sunnita, che fa capo a re Hamad bin Isa al Khalifa, è wahhabita, corrente tra le più rigide dell’Islam. Non meno severe sono le regole sociali che segue la maggioranza sciita.

LA PROSTITUZIONE è vietata e i server locali di internet, come in altri Stati della regione, negano l’accesso a siti porno. Nel 2008 è stata approvata una legge contro il traffico di esseri umani, che prevede pene da tre a 15 anni di reclusione, e l’articolo 325 prescrive la reclusione da due a sette anni per la prostituzione forzata e da tre a dieci anni se la vittima è un bambino.

Ma nella vita reale le cose sono ben diverse e negli hotel che si affacciano sulle strade percorse da donne avvolte nell’abaya nero, tante giovani orientali sono costrette a prostituirsi.

Sarebbero circa 15mila e in aumento le prostitute presenti a Manama e in altre località, secondo i dati diffusi qualche anno fa dal Bahrain Youth Society for Human Rights. Un numero elevato se si tiene conto della popolazione totale.

Per questo non impressionano le notizie, peraltro rare, di operazioni della polizia che portano alla «liberazione» di donne tenute in stato di schiavitù e costrette a prostituirsi.

IL DIPARTIMENTO di Stato americano nei suoi rapporti annuali indica il Bahrain come uno dei paesi dove si aggrava il fenomeno del traffico di donne destinate alla prostituzione forzata. E gli Usa chiedono alle autorità locali di agire con fermezza per interromperlo.

Eppure ad alimentarlo sono proprio i militari statunitensi che entrano nel paese.

Se di giorno Jufair – area residenziale dove ha sede il comando della V Flotta americana e della Combined Maritime Forces composta da unità navali di 29 paesi, inclusa l’Italia, che ufficialmente combattono la pirateria nel Golfo, nel Mar Rosso e nell’Oceano Indiano – è nota per i suoi caffè e i costosi ristoranti alla moda, di notte si trasforma in un quartiere a luci rosse.

Nelle discoteche e nei club affollati di marinai e ufficiali americani lavorano centinaia di prostitute cinesi e russe. Tutti lo sanno, nessuno lo denuncia o agisce.

Le autorità bahranite chiudono un occhio, anzi tutti e due, su quanto accade perché nulla deve turbare il divertimento dei militari Usa.

L’amministrazione Trump si è impegnata ancora più di quelle precedenti a «proteggere» il regno dalle presunte interferenze dell’Iran e a dare copertura politica alla feroce repressione in corso da anni contro l’opposizione che chiede riforme democratiche e l’uguaglianza tra cittadini sunniti e sciiti.

Ai soldati americani si aggiungono quelli britannici. Nel porto di Salman, sull’isola piccola del Bahrain, qualche mese fa è stata inaugurata una base navale britannica di supporto che può ospitare fino a 500 marinai e aviatori di Sua Maestà.

D’ALTRONDE fu proprio il colonialismo britannico a creare nel 1935 la base di Jufair di cui gli Stati uniti presero il controllo nel 1971, in seguito all’indipendenza del Bahrain. Londra continua a dare appoggio alla monarchia bahranita invitata a tutte le occasioni che contano dei reali britannici.

«Nel nostro paese – commenta con amarezza la nostra conoscente – tante cose sono permesse e gli occidentali sono i benvenuti. Le uniche cose davvero proibite in Bahrain sono la libertà e la democrazia».

Web Analytics