Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

tlaxcala

Perché "non avere nulla da nascondere" non è un motivo per accettare la sorveglianza di massa

di Annabelle Laurent

"Non ho nulla da nascondere", "Non ho fatto nulla di male o di illegale, quindi non importa se sono spiato". Questo è l'argomento sul quale si scontrano sistematicamente i difensori delle nostre libertà digitali. Ma avere "nulla da nascondere", e accettare di fornire tutti i propri dati a Facebook, Google e una moltitudine di servizi "gratuiti" pur sapendo, più precisamente dopo le rivelazioni di Edward Snowden, che questi dati alimentano direttamente la sorveglianza di massa: questo è davvero un ragionamento sostenibile nel lungo periodo? È questa la società che vogliamo? Uscito nelle sale per alcuni mesi, prima del lancio sotto una licenza Creative Commons programmata per il 30 settembre, il documentario Nothing to Hide" (Nulla da Nascondere) di Marc Meillassoux è una risposta entusiasmante a questa cruciale domanda per il nostro futuro

Giugno 2013. Dalla camera d'albergo di Hong Kong, dove è recluso, Edward Snowden osserva lo scandalo di intercettazioni della NSA scoppiare in diretta televisiva, dopo otto giorni in cui ha rivelato tutto al giornalisti davanti alla telecamera di Laura Poitras ( Citizenfour ). Da allora sono passati quattro anni. E se Prism - dal nome del programma NSA progettato per scansionare le comunicazioni digitali scambiate su AOL, Apple, Facebook, Google, YouTube, Microsoft, Skype, Paltalk e Yahoo! - e diversi affari successivi hanno largamente contribuito a sensibilizzare i cittadini sulla conoscenza dei dati e sulla sorveglianza di massa, molti di loro hanno infine perso interesse per la questione, con la scusa che non hanno "nulla nascondere".

 

La società e i suoi dati prima

"Dire che il tuo diritto alla privacy non ha importanza perché non hai nulla da nascondere è come dire che la tua libertà di espressione non ha importanza, perché non hai nulla da dire. Perché anche se non usi i tuoi diritti oggi, altri ne hanno bisogno. Vale a dire: gli altri non mi interessano"

Edward Snowden, che testimonia in Nothing to hide tra una ventina di altri interventi, è sempre sulla stessa linea, quella di non far perdere l'interesse della società di fronte alle considerazioni individuali. Questo è anche l'invito di questo documentario di due giornalisti, il francese Marc Meillassoux e la tedesca Mihaela Gladovic.

https://vimeo.com/195661933

Ci sono due approcci per contrastare l'argomento "Non ho nulla da nascondere": essere consapevoli, da un lato, che ognuno ha qualcosa da nascondere - e che questo qualcosa è chiamato intimità - o che potrebbe avere qualcosa da nascondere:

"Immagina di non essere impegnato politicamente, o che la tua vita al momento non sia molto eccitante. Vivi in ​​campagna e una compagnia petrolifera arriva a costruire un gasdotto sulla tua terra. All'improvviso hai qualcosa da nascondere e hai un avversario" , suggerisce Alison Macrina, del progetto Tor.

L'altra risposta è quella di rifiutare le premesse di uno stato di polizia.

"Non c'è un argomento valido per tutti, - ci spiega l'autore del documentario, Marc Meillassoux.Alcuni reagiscono alle valutazioni finanziarie temendo di dover pagare di più per il loro prestito o assicurazione sanitaria in base a ciò che i loro dati avranno rivelato sul loro modo di vivere. Altri sono sensibilizzati alla nozione di tabù e a ciò che deve rimanere nella sfera privata, ad esempio se una persona nella sua famiglia è affetta da una malattia mentale. Altri potrebbero temere che le autorità fiscali abbiano accesso ai loro dati personali. Il nostro documentario vuole insistere di più sul secondo aspetto, sociale: una tirannia, che passa attraverso un'aggressione fisica esterna o dalla scansione permanente della popolazione, rimane una tirannia. La sorveglianza della polizia è il fondamento di uno stato di polizia. Bisogna chiedersi cosa vuol dire vivere in una società in cui i nostri giudici, avvocati, ricercatori e giornalisti sono potenzialmente monitorati e sotto controllo".

 

Un Mister X per cavia

Nothing to Hide è ricco dei suoi interventi, numerosi e rilevanti (informatori, ricercatori, attivisti, hacker, ecc.), che dialogano con le testimonianze di vittime di politiche di sorveglianza, tra cui una ricercatrice in diritti fondamentali sorvegliato negli Stati Uniti (perché ha incontrato donne somale, egiziane, irachene, afghane e yemenite) o un attivista ambientalista sorvegliato in Francia. La storia di un ex attivista tedesco monitorato negli anni '80 dalla Stasi introduce il parallelo con il servizio di intelligence della RDT e gli attuali strumenti di sorveglianza.

"Condividono la stessa ossessione di raccogliere tutto, questo stesso appetito infinito per i dati, afferma Marc Meillassoux, con l'idea che il minimo dettaglio che sarebbe sfuggito sarà considerato come una falla nel sistema di sorveglianza". Quindi, considerare che non abbiamo "niente da nascondere" è una cosa, ma come non preoccuparsi che "tutti i meccanismi di monitoraggio sono già in atto", come spiegato dall'informatore ed ex dirigente NSA Thomas Drake, anche se essi sono ancora, il più delle volte, nelle mani di democrazie? È eccessivo parlare di cyberdittatura?

L'altro filo rosso del documentario è l'esperimento di sorveglianza in cui il signor X, un amico del regista che pensava di non avere "nulla da nascondere", ha accettato di essere osservato per un mese sul suo telefono, su cui era installato uno spyware (che non aveva accesso al contenuto dei messaggi), e sul suo computer, dove viene raccolta la cronologia di navigazione. Un analista di dati e un hacker sono quindi lieti di presentargli il frutto del loro lavoro: una cartografia completa dei suoi movimenti (che deducono le sue ore di sonno, lavoro, uscite, se è una notte insonne, dorme nello stesso posto), dettagli estremamente precisi del suo modo di vivere o dei suoi associati. Tutto semplicemente usando i "metadati" (dati di connessioni, ore e frequenze di chiamate, posizioni GPS, ecc.) a cui hanno accesso e su cui si basano i dispositivi di monitoraggio del Web della "legge sull'intelligence" adottata in Francia nel 2015 e leggi equivalenti adottate altrove in Europa.

Mentre il Consiglio nazionale del digitale (CNNum) allarma su minacce che pesano sulle libertà individuali, il progetto di legge antiterrorismo che è stata discussa il 13 settembre in Assemblea, è un ulteriore segnale di una traiettoria sicuritaria ritenuta "preoccupante", non è mai superfluo tornare alle fondamenta della società di sorveglianza, il "peccato originale" di Internet (vale a dire l'accettazione di servizi gratuiti in cambio di tracciamento pubblicitario) alla sua trasformazione in uno spazio di controllo che ci fa sembrare un po' più simili al personaggio di Winston in 1984, il romanzo di George Orwell. Probabilmente è ancora meno inutile interessarsi, tre anni dopo Citizenfour e la sua figura di eroe incarnata da Snowden, nel modo in cui ognuno di noi partecipa, attivamente o inconsapevolmente, alla validazione di questo sistema di sorveglianza.

Finanziato da più di 400 persone in crowdfunding, Nothing to Hide verrà proposto il 30 settembre in Creative Commons. Una scelta da parte degli autori, che volevano prendere una licenza gratuita e sperare di raggiungere un pubblico più ampio. Vedere questo film è importante, se non altro per rassicurare Edward Snowden, convinto che trascurare il proprio diritto alla privacy "è la cosa più antisociale".

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault