Print Friendly, PDF & Email

comidad

Antifascismo distratto

di comidad

Il dibattito sull’attualità o meno dell’antifascismo ha avuto un grande slancio dall’inizio di quest’anno. Seppur rappresentate in modo tendenzioso dai media, le posizioni a riguardo di due punti di riferimento mondiali del dibattito anti-establishment, Slavoj Zizek e Noam Chomsky, risultano particolarmente interessanti. Riassumendo in modo approssimativo le loro tesi, si ricava l’indicazione secondo cui il fascismo sarebbe un fenomeno storicamente tramontato e che la paura del fascismo viene utilizzata come spauracchio dall’establishment per rappresentarsi come un male necessario per evitarne di peggiori.

Chomsky sottolinea anche come l’antifascismo militante delle manifestazioni costituisca un’occasione per l’apparato repressivo per colpire il dissenso. In Italia ne abbiamo avuto recentemente una dimostrazione, allorché si è colta l’occasione di un episodio avvenuto durante una manifestazione antifascista per licenziare una maestra. Il caso della maestra Cassaro però va già oltre la sfera della semplice repressione e configura un quadro molto più problematico, che non è stato colto anche da quelli che la difendono.

Il dibattito è continuato sulla rivista “Micromega”, dove l’economista Emiliano Brancaccio ha messo in evidenza il rapporto causale tra politiche deflattive e sviluppo di movimenti di destra.

Pur partendo da premesse molto diverse, Zizek, Chomsky e Brancaccio concordano però su una posizione: non appoggiare candidati e posizioni di establishment in nome del far fronte contro il pericolo fascista.

Prima ancora di finire su “Micromega”, la tesi secondo cui le politiche deflattive favorirebbero una rinascita del fascismo, era da tempo oggetto di discussione sulla rete. La tesi ha sicuramente un fondamento se la si applica al caso del nazismo negli anni ‘30, dato che Hitler salì al potere in Germania nel pieno di una situazione di deflazione/recessione con milioni di disoccupati.

La tesi è molto meno applicabile al caso del fascismo italiano, poiché fu proprio il governo Mussolini tra il 1924 ed il 1926 ad avviare una politica iper-liberista e deflattiva che culminò con la rivalutazione della lira, la famosa quota ’90. Il fascismo quindi è compatibilissimo con politiche deflattive e, per questo motivo, negli anni ’20 Mussolini fu santificato dalla stampa internazionale. Solo all’inizio degli anni ’30 Mussolini cambiò politica economica, servendosi di personale formatosi nella cerchia dell’ex Presidente del Consiglio Francesco Saverio Nitti.

Tra gli anni ‘20 e ‘30 i fascismi si avvalsero sia dell’appoggio dell’establishment internazionale in funzione anticomunista, sia dell’esistenza di un apparato dello Stato già militarizzato per le esigenze della guerra di massa. Si era già fatto trenta ed i fascismi hanno fatto trentuno. Con la fine degli eserciti di massa sarebbe dubbio che un nuovo fascismo possa ripresentare le stesse identiche caratteristiche di militarizzazione sociale.

Ci si potrebbe domandare se il pericolo di un nuovo fascismo non sia un modo per non considerare il fascismo che già c’è, cioè il fascismo che è stato inglobato ed introiettato dall’attuale sistema di potere che lo ha trasformato in senso comune. In altre parole, i movimenti di destra sono oggi i soli ad avere un’agibilità politica poiché ogni altra prospettiva è stata preventivamente delegittimata e criminalizzata. Questo monopolio ideologico consente al fascismo di recitare tutte le parti in commedia, di stare sia dentro l’establishment che contro di esso. Il fascismo non ha neppure dovuto aspettare la deflazione e la recessione economica per tornare a fare il bello ed il cattivo tempo ed il veicolo di questo riciclaggio in grande stile è stato la NATO.

Dalla fine degli anni ’80 la “sinistra” ha voluto chiudere gli occhi: non ha voluto vedere il ruolo svolto dalle destre estreme nella caduta del Muro di Berlino e dei vari regimi dell’Europa dell’Est; ha lasciato santificare un personaggio come Vaclav Havel, formatosi negli ambienti dell’ex collaborazionismo nazista in Cecoslovacchia; ha plaudito al “risveglio etnico” in Jugoslavia sorvolando sul ruolo che in questo “risveglio” svolgeva il fascismo Ustascia. Molto prima di organizzare il colpo di Stato nazista in Ucraina, la NATO aveva già utilizzato i fascisti in tutte le occasioni possibili, a cominciare dalla rivolta d’Ungheria del 1956.

Non ci si è accorti inoltre che il Trattato di Maastricht del 1992 è totalitario, in quanto impone la deflazione come unica politica economica, fissando l’obbiettivo della stabilità dei prezzi, quindi niente aumenti salariali e nessuna espansione del welfare. La sinistra è stata messa in pratica fuori legge. È bastato infatti un provvedimento del tutto simbolico come il Decreto “Dignità” per far guadagnare al ministro Di Maio l’epiteto di “comunista”. L’accusa di comunismo oggi è tautologica, cioè delegittima esimendo del tutto dal dimostrare; e non c’è da sorprendersene dato che le varie campagne mediatiche sul “sangue dei vinti” e sulle foibe hanno trasformato l’anticomunismo in un valore prioritario rispetto all’antifascismo. Il caso del licenziamento della maestra Cassaro indica che esiste già un fascismo istituzionalizzato ed in atto, che implica un modello totalitario dei rapporti sociali: licenziata perché comunista.

La perpetuazione dell’ ideologia fascista in epoca post-fascista ed “antifascista” fu già messa in evidenza da Benedetto Croce durante i lavori della Costituente. Croce denunciava che, come nel fascismo, si continuava nel dopoguerra a considerare gli Italiani un popolo inferiore da avviare sulla via della redenzione. Parole profetiche, visto che l’Unione Europea non c’era ancora.

Ma questa continuità ideologica presenta anche degli esempi istituzionali abbastanza significativi come l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI). Di recente il massimo esponente di questo istituto in una trasmissione televisiva si è esibito in un esercizio di tautologia affermando che non c’è bisogno di prove per considerare il presidente siriano Assad un criminale. È un criminale perché è un criminale.

Fondato nell’ambito fascista nel 1934, l’ISPI doveva costituire un laboratorio teorico dell’imperialismo italiano . Notevoli erano le affinità e le relazioni dell’Istituto con gli ambienti del regime in cui si elaborava la mistica fascista (Il decalogo della mistica fascista).

Pin It

Comments   

#2 Mario Galati 2018-07-29 00:35
Dimenticavo di aggiungere: personaggi come l'ex presidente della Camera, Laura Boldrini, o l'eurodeputato piddino Pittella sono l'evidenza lampante di questo "antifascistismo" imperiale di maniera. La prima ha ricevuto con tutti gli onori un esponente di primo piano dei neonazisti ucraini. Il secondo ha persino appoggiato e arringato la folla nel colpo di stato neonazista di Maidan: naturalmente dal palco dei nazisti e in loro compagnia.
Con questi tipi di antifascisti abbiamo a che fare.
Quote
#1 Mario Galati 2018-07-29 00:18
L'antifascismo di matrice liberale si colloca interamente in una dimensione democratico-formale che esclude la dimensione di classe del fenomeno: la "dittatura" contrapposta alla democrazia rappresentativa borghese liberale. Naturalmente i liberali omettono di dire la dittatura di quale classe contro quale classe. Dal dopoguerra, questo antifascismo è soltanto una articolazione dell'antitotalitarismo, categoria rivisitata ed elaborata in funzione anticomunista.
Viene obliata la natura capitalistica borghese del regime reazionario fascista, e i liberali ricreano continuamente una loro verginità circa l'appartenenza del fascismo al loro ritratto di famiglia: 1-come stato d'eccezione della democrazia liberale imposto dal medesimo potere di classe che normalmente esercita il dominio in forma democratico-borghese (ossia, dalla medesima borghesia già liberale, e che poi, riorganizzato lo stato, consolidato il potere e superata la crisi, potrà anche ricominciare ad esserlo); 2-come estremizzazione della tradizione coloniale liberale, con la sua aggressività imperialistica e razzistica radicalizzata.
Una volta falsificata la vera natura del fascismo e il suo contenuto economico-sociale, ridotto il fenomeno ad una vuota categoria formale, le forze sociali gravide di fascismo, ossia di oppressione dei lavoratori e di imperialismo, possono usarlo come una clava contro i loro avversari, estranei all'ortodossia del dominio liberal-liberista dominante o geopoliticamente scomodi (Milosevic e Saddam Hussein nuovi Hitler, Ahmadinejad fascista, ecc.). L' equiparazione tra fascismo e comunismo, nella categoria del totalitarismo, è un elemento del medesimo fenomeno. Così come la sciocca e ignobile equiparazione tra nazismo e comunismo e tra Hitler e Stalin.
Questo antifascismo di maniera, utilizzato da imperialisti come i presidenti americani sino ai nostri piddini, è definito da Azzará "antifascistismo", ed ha la funzione di chiamare i lavoratori all'unione sacra con i settori della borghesia che lo agitano. Hanno ragione Chomsky e Brancaccio nell'invitarci a non cadere nella trappola.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh