Print Friendly, PDF & Email

mateblog

Andare avanti con PAP per non tornare indietro con Bersani e Fratoianni. Ripensare PAP, unire i comunisti sulle cose, ricominciare da zero

di Stefano G. Azzarà

E' andata come ampiamente previsto e cioè nell'unico modo possibile.

Lo scenario è quasi il peggiore immaginabile, perché il quadro è slittato enormemente più a destra di quanto già non fosse. Solo se ci fosse una chiara maggioranza Di Maio-Salvini o Salvini-Di Maio sarebbe peggio.

A questo punto, un PD che non fosse in stato confusionale ma fosse ancora in grado di fare politica, scaricherebbe immediatamente Renzi e offrirebbe sponda a un governo Di Maio per ridurre il danno: prevenire un asse con Salvini e cominciare a logorare i 5Stelle, costringendoli a scegliere le alleanze e seminando in questo modo contraddizioni nel loro elettorato.

Quanto a PAP, speravo di più (tra l'1,5 e il 2%) ma il mio vero dubbio era se LEU sarebbe riuscita a superare lo sbarramento o meno: purtroppo ce l'hanno fatta, seppur per poco, e continueranno perciò a rappresentare la "sinistra" ufficiale, con tutto il danno che ne consegue.

Per il resto, niente di nuovo sotto il sole: sappiamo che il 3% è stato mancato non certo adesso ma l'anno scorso, anzi due anni fa, anzi addirittura dieci anni fa. E cioè il 3% è stato mancato in primo luogo per il tempo perso dai brioscini di ogni risma a inseguire o aspettare il fantasma del centrosinistra o la sua controfigura brancaccia e per aver scelto la strada dell'autonomia senza convizione e solo per mancanza di alternative.

Se avessimo cominciato a tempo debito ce l'avremmo fatta.

Adesso bisogna andare avanti con PAP, senza mandare tutto all'aria come al solito, proprio per evitare di ripetere al prossimo giro gli errori fatti sistematicamente ad ogni tornata elettorale dal 2008 a oggi.

Bisogna andare avanti con PAP, inoltre, anche per evitare che le forze organizzate tornino a guardare a Fratoianni e persino a Bersani, come già qualcuno sta facendo.

Ovviamente, molte cose però in PAP vanno ripensate, a partire da una riattivazione del ruolo delle forze organizzate - e possibilmente dall'avvio dell'unificazione dei comunisti sul terreno dei problemi concreti - e da un ritorno con i piedi per terra per la componente "di movimento", che ha portato la croce ma ha fatto anche molti danni (sebbene meno di quanti ne abbia fatti Rifondazione).

Ci attendono decenni di ricostruzione ma era esattamente quanto già sapevamo e ci eravamo detti quando, già alla prima assemblea autoconvocata, anticipavamo che sarebbe stato solo un inizio, che le elezioni non sono la cosa più importante, bla bla.

Oppure qualche buontempone pensava di poter prendere il 3% con una lista fatta due settimane prima?

Pin It

Comments   

#2 FEDERICO B. 2018-03-09 11:52
La penso precisamente come Mario Galati. Il nemico più insidioso è esattamente quel tossico insieme di movimentismo, dei centri sociali alla Casarini, la retorica dell'autorganizzazione dal basso e del mutualismo, cui aggiungo pure l'esiziale primazia dei "diritti civili" che offuscano la questione del Lavoro. E concordo in pieno pure sull'appoggio "tattico", di fase, a una sinistra populista sovranista, a una "linea nera", a una lotta per rafforzare la frazione borghese di Stato contro quella globalista.
Quote
#1 Mario Galati 2018-03-07 10:03
Andare avanti con PaP significa ritornare, forse addirittura in versione peggiorata, alla Rifondazione Comunista del movimentismo, dei centri sociali alla Casarini, per intenderci, con la retorica dell'autorganizzazione dal basso e del mutualismo, ecc. Non credo proprio che PaP possa rappresentare il terreno sul quale ricostruire l'unità dei comunisti e un necessario Partito Comunista. Non esistono scorciatoie (come sembra essere PaP). Che poi un Partito Comunista organizzato, che fa un lavoro teorico e culturale di lunga lena, partecipi tatticamente e praticamente a movimenti più ampi, anche "populisti" di sinistra, come quelli auspicati da Formenti, o di sinistra nazionale, come vorrebbero Boghetta e Porcari, va bene. PaP, invece, è l'ostacolo a questa necessità. Per questo motivo ho votato Partito Comunista.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh