Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

senzasoste

Il riflesso condizionato di Luciana Castellina

di Potere al Popolo Livorno

Pubblichiamo una riflessione circa il dibattito su Il Manifesto tra Luciana Castellina e la lista Potere al Popolo

L’ormai celebre intervento di Luciana Castellina sul Manifesto dedicato a Potere al popolo, e la sua successiva replica alle critiche sulla stessa testata, aiutano a sviluppare qualche riflessione. Di quelle che servono più di mezza giornata.

Ora, per chi non conosca Luciana Castellina dobbiamo dire che, oltre ad essere una compagna storica, è anche una persona aperta, curiosa, capace di condividere esperienze straordinarie. Il punto è che, al momento in cui emergono delle criticità politiche la compagna Castellina manifesta il solito riflesso condizionato, tipico di quel genere di impostazione culturale. Il riflesso si concretizza nel consueto richiamo all’unità della sinistra, o di ciò che si suppone essere di sinistra, preludio ad una più complessiva difesa dei valori costituzionali. Uno schema anni ’50, togliattiano, un evergreen dei valori unitari che riemerge,  appunto, ad ogni criticità politica. Fino ad arrivare, con la zattera del tempo, fino a noi. Non è un caso, infatti, che Castellina, mettendo in campo i classici a suo avviso utili per legittimare il suo discorso, parli di Lenin, Gramsci e Togliatti. Lasciando perdere i primi due, anche per non finire in discussioni dottrinarie, rimane esemplare l’uso di Togliatti nell’argomentazione politica odierna.

Già ma quale Togliatti? Quello antropologicamente rigido, per non dire cieco, per cui all’estensione dell’economia corrispondeva anche quella della democrazia? Certo, con questi metri la Germania prebellica di Hitler, quella che portò i disoccupati da sei milioni a zero in poche decine di mesi, sarebbe stato il paese più democratico del ‘900. Oppure quello che fece fuggire dal Pci la migliore leva intellettuale di sinistra dell’epoca, un salasso qualitativamente mai veramente colmato, tra la polemica con Vittorini e il sostegno all’invasione dell’Ungheria? Oppure colui che fu l’espressione massima di un gruppo dirigente che non vide proprio le trasformazioni tecnologiche dell’allora neocapitalismo italiano rimanendo inchiodato a una visione arcaica del capitalismo?

Sicuramente il Togliatti che interessa a Castellina, specie quando viene messo in causa Gramsci, è quello della rivoluzione passiva. Ovvero di quella strategia, mutuata dal comportamento delle classi dirigenti, di lento ma significativo ribaltamento dei rapporti di forza sociali e poi politici.

Senza entrare nel dettaglio, ovvero di quanto sia praticabile una rivoluzione passiva in società dove tutto cambia sempre in un lustro, ma quali sono gli uomini del cambiamento, della rivoluzione passiva, in Liberi Uguali? Ci si rende conto che la vera controriforma della costituzione, l’obbligo di pareggio di bilancio, l’ha fatta Bersani, con D’Alema e Monti, che ha abolito così le politiche di intervento pubblico in caso di forte crisi?
E’ chiaro che oggi siamo nella classica notte in cui le vacche sono sempre nere e che, oltretutto, si stanno usando, un pò troppo, le parole in libertà. Bersani, Grasso, D’Alema, il grosso dei fondatori di Liberi e Uguali, con la difesa della costituzione (e meno che mai con Gramsci), non c’entrano nulla, e non vediamo “nuovi inizi“. La costituzione l’hanno già “riformata”,  nel 2012, collocando l’economia liberista come l’unica costituzionale. Votando sotto dettatura delle governance europea e della banca centrale. Questa è gente che di passivo c’ha solo la subordinazione alla finanza non la rivoluzione di gramsciana memoria.

Il 4 dicembre 2016 le persone citate hanno semplicemente detto che poteva bastare così, che Renzi andava troppo oltre, e che il grosso del lavoro era stato fatto. Parlare, come fa Castellina di questi soggetti come la difesa di qualcosa, addirittura del nucleo progressista presente nella costituzione, è un’operazione di fantasia. Una fantasia dalla quale emergono Lenin, Gramsci, Togliatti e magari anche Dolores Ibarruri ma dalla quale, guarda caso, stanno ben lontani i nodi della realtà.

Pin It

Comments   

#2 Vincesko 2018-01-21 15:28
Citazione: “ La costituzione l’hanno già “riformata”, nel 2012, collocando l’economia liberista come l’unica costituzionale. Votando sotto dettatura delle governance europea e della banca centrale”.

Fesseria macroscopica, frutto di ignoranza. 1. L’equilibrio di bilancio è al netto del ciclo; e 2. La scelta fu necessitata dalla situazione di default (in buona parte creato ad arte, ma che sempre default era). Su 28 Membri UE, solo 2 Paesi non l’hanno adottato. E poi la responsabilità massima è riconducibile al debole, inaffidabile, incompetente Berlusconi (tutte le prove documentali nel post allegato).
[…]
Fiscal Compact
Anche l’accettazione del fiscal compact non è opera di Monti ma di Berlusconi, che lo negoziò e lo sottoscrisse nel Consiglio europeo del 24 e 25 marzo 2011. Infatti, il relativo DdL costituzionale fu presentato dal governo Berlusconi nel mese di settembre 2011. Poi votato e introdotto in Costituzione nel 2012 durante il governo Monti, col voto favorevole di PDL, PD, Scelta Civica e Lega Nord.[5]
[5] FISCAL COMPACT. Questo patto, come avviene sempre per accordi di tale importanza, si è sviluppato su più fasi. Le basi giuridiche del fiscal compact furono poste nel Consiglio europeo del 24 e 25 marzo 2011, con l'accettazione e la firma da parte del PdC Berlusconi.[a] Poi, il patto venne ratificato, cioè approvato, reso valido, da 25 Paesi su 27. Quindi, com’era stato raccomandato, fu necessario inserirlo, formalizzarlo nella legislazione dei singoli Paesi, in una norma di rango costituzionale o equivalente (obbligatoria se si voleva ottenere l’aiuto eventuale del MES). Il relativo DdL costituzionale fu presentato dal governo Berlusconi nel mese di settembre 2011. Poi votato e introdotto in Costituzione nel 2012 durante il governo Monti, col voto favorevole di PDL, PD, Scelta Civica e Lega Nord.[c]
Lo stesso Monti ha rammentato più volte che il fiscal compact fu accettato da Berlusconi, che infatti diede inizio all'iter di approvazione parlamentare.
[a] http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/it%/ec/120304.pdf
ratificare http://www.treccani.it/vocabolario/ratificare/
[c] http://parlamento16.openpolis.it/votazione/camera/pareggio-di-dibilancio-in-costituzione-tu-dll-c-4205-abb-a-voto-finale/37608
[…]
L'assassinio della verità, chi ha davvero messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la grande recessione
http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2859408.html oppure
http://vincesko.blogspot.com/2018/01/lassassinio-della-verita-chi-ha-davvero.html
Quote
#1 Mario Galati 2018-01-19 19:17
Non è una buona cosa criticare le criticabili posizioni della Castellina dicendo parole in libertà su Togliatti, la rivoluzione passiva, ecc.
Quote

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh

0
0
0
s2sdefault