Print Friendly, PDF & Email

comedonchisciotte

Le due superpotenze: chi controlla realmente le due nazioni?

di Paul Craig Roberts

All’interno dei gruppi di potere che governano gli Stati Uniti, uno dei quali, il complesso militare-industriale del Deep State, è ancora più potente della lobby israeliana, c’è il grande timore che un incontrollabile Presidente Trump possa raggiungere, durante il suo prossimo incontro con Putin, un accordo che ponga fine alla demonizzazione della Russia, che finora ha garantito l’enorme budget e lo strapotere del comparto della difesa militare.

La paura del Deep State è palpabile negli editoriali che lo stesso Deep State ha commissionato al Washington Post (29 giugno) e al New York Times (29 giugno), due dei megafoni del Deep State, ma che non vengono più presi in considerazione dalla stragrande maggioranza del popolo americano. I due editoriali condividono le stesse argomentazioni e le medesime frasi. Continuano a ripetere le solite, già smentite, menzogne sulla Russia, come se delle palesi ed ovvie bugie fossero dei fatti concreti.

Entrambi accusano il Presidente Trump di “prostrarsi davanti al Kremlino.” Ovviamente, l’inginocchiarsi non è una peculiarità di Donald Trump. Ma, ancora una volta, i fatti non sono di certo un ostacolo alla propaganda vomitata dal WaPo e dal NYT, i due megafoni per le bugie del Deep State.

L’editoriale del Deep State commissionato al WaPo riferisce che: “Le cause della tensione fra Stati Uniti e Russia sono ben note. La Russia ha sottratto la Crimea all’Ucraina, ha fomentato una guerra nell’Ucraina dell’Est, è intervenuta per salvare la dittatura del Presidente siriano Bashar al-Assad, ha interferito nelle elezioni presidenziali americane danneggiando Hillary Clinton e aiutando Donald Trump, ha avvelenato un ex ufficiale dell’intelligence sul suolo britannico e continua ad immischiarsi nelle elezioni degli altri paesi democratici.”

Il paragrafo di apertura del WaPo è una raccolta di tutte le sfacciate bugie costruite dal Deep State per il suo Ministero della Propaganda. Sono stati scritti molti libri sulle infiltrazioni della CIA nei media americani. Non ci sono dubbi a questo proposito. Ricordo che ero appena entrato come Staff Associate [funzionario di primo livello] nello House Defense Appropriation Subcommittee [uno dei 12 sottocomitati che gestiscono i finanziamenti al Ministero della Difesa americano – ndt], quando ero stato informato che il Washington Post era una risorsa della CIA. Questo succedeva nel 1975. Oggi il Post è di proprietà di una persona [Jeff Bezos, fondatore di Amazon.com – ndt] che gode di contratti governativi che, secondo molti, gli permettono di mantenere la sua attività di facciata.

E non dimentichiamoci di Udo Ulfkotte, il redattore della Frankfurter Allgemeine Zeitung, che aveva scritto nel suo best seller Gekaufte Journalisten [Giornalisti comprati] che in Europa non c’era un singolo giornalista importante che non fosse a libro paga della CIA. L’edizione inglese del libro di Ulfkotte è stata soppressa e ne è stata vietata la pubblicazione.

Il New York Times, che aveva detto la verità per l’ultima volta nel 1970, quando aveva pubblicato i Pentagon Papers e aveva avuto il coraggio di battersi per il rispetto del Primo Emendamento, ripete le bugie sull’occupazione della Crimea e sull’attacco all’Ucraina” da parte di Putin, insieme a tutte le altre immotivate stronzate sulla Russia, che avrebbe interferito nelle elezioni presidenziali, facendo eleggere Trump, che ora si genuflette davanti a Putin per servire la Russia invece degli Stati Uniti. L’editoriale commissionato al NYT insinua che Trump possa essere una minaccia alla sicurezza nazionale dell’America e dei suoi alleati (vassalli). Il problema, secondo il NYT, è che Trump non ascolta i suoi consiglieri.

Torna alla memoria il Presidente John F. Kennedy, che non aveva dato retta alla CIA e agli Stati Maggiori Riuniti sull’invasione di Cuba, sul bombardamento atomico dell’Unione Sovietica e sull’utilizzo di un falso auto-attentato (false flag) nei confronti dell’America organizzato proprio dagli Stati Maggiori, l’Operazione Nortwoods. Non è che il New York Times sta preparando l’assassinio di Trump con la scusa che è innamorato della Russia e sacrifica gli interessi nazionali degli Stati Uniti?

Io ci scommetterei.

Mentre il Washington Post e il New York Times ci dicono che, se Trump si incontrerà con Putin, svenderà la sicurezza degli Stati Uniti, Saker afferma che Putin si trova di fronte alle stesse limitazioni,  per Putin però non si tratta di un problema legato alla sicurezza nazionale, ma alla Quinta Colonna russa, agli Integrazionisti Atlantici, che hanno il loro uomo di punta nel Primo Ministro Medvedev, il rappresentante di quella ricca elite russa che si era arricchita impossessandosi, con la benedizione di Washington, dei beni statali durante gli anni di Yeltsin.

Queste elites, secondo Saker, impongono a Putin pastoie così pesanti che mettono a rischio la sovranità stessa della Russia. Per motivi finanziari è molto più importante, per queste elites, far parte dell’impero di Washington piuttosto che di una nazione sovrana. (Link).
Trovo che quella di Saker sia la miglior analisi sugli ostacoli che limitano le possibilità di Putin di rappresentare in pieno gli interessi nazionali russi.

Mi sono spesso domandato come mai Putin non faccia arrestare questi traditori dalle forze di sicurezza e non li faccia condannare alla pena capitale. La risposta è che Putin crede nel ruolo della legge e sa che la Quinta Colonna russa, finanziata e sostenuta dagli Stati Uniti, non può essere eliminata senza spargimenti di sangue e questo è contro la legge. Così la Russia rimane in bilico. Credo che alla Quinta Colonna russa la preminenza del diritto importi molto poco. A loro interessano solo i soldi.

Per quanto Putin possa essere messo in discussione, Chris Hedges, uno dei più grandi giornalisti americani viventi, che potrà anche non avere sempre ragione, ma che, quando ce l’ha, riesce ad essere molto incisivo, illustra la situazione che deve affrontare il popolo americano. E’ una situazione  irrimediabile. Il benessere e i diritti civili dell’America sembrano ormai perduti. (Link).

Secondo me, Hedges, a causa dei suoi ideali di sinistra, si era focalizzato più sulla retorica di Reagan che sui risultati ottenuti da Reagan, (tra cui) i due più importanti del nostro tempo: la fine della stagflazione, che aveva favorito il popolo americano e la fine della Guerra Fredda, che aveva allontanato il rischio di una guerra nucleare. Penso anche che Hedges non approvi la sincerità di Trump riguardo alla necessità di normalizzare le relazioni con la Russia (relazioni peraltro già distrutte dai regimi di Clinton, George W. Bush e Obama) e di riportare in patria, ai lavoratori americani, le attività delocalizzate all’estero. L’agenda di Trump lo porta in rotta di collisione con i due più potenti gruppi di interesse degli Stati Uniti. Un Presidente intenzionato ad affrontare queste poderose lobbies dovrebbe essere apprezzato e sostenuto come, e Hedges lo riconosce, fa la maggioranza dei diseredati. Se posso, vorrei far notare a Chris, che peraltro ammiro, che non spetta a Chris Hedges mettersi contro una scelta popolare. Come può funzionare la democrazia se il popolo non governa?

Hedges scrive, giustamente, “Il problema non è Trump. E’ un sistema politico dominato dal potere corporativo e dai mandarini dei due principali partiti politici, in cui noi (popolo americano) non contiamo nulla.”

Hedges ha assolutamente ragione.

E’ impossibile non ammirare giornalisti come Hedges, che riescono a descrivere la nostra condizione con una tale capacità di sintesi:
“Ora viviamo in una nazione dove i medici distruggono la salute, gli avvocati distruggono la giustizia, le università distruggono la conoscenza, la stampa distrugge l’informazione, la religione distrugge la morale e le banche distruggono l’economia.”

Leggetevi il chiarimento di Saker sulla politica russa. E’ probabile che Putin possa crollare per le pressioni della poderosa Quinta Colonna all’interno del suo governo. Leggetevi anche l’analisi di Chris Hedges sul collasso dell’America. Contiene molte verità. Che cosa succederebbe se il popolo russo si ribellasse alla Quinta Colonna e se l’oppresso popolo americano si sollevasse contro le ruberie del complesso militare-industiale? Che cosa accadrebbe se nessuno dei due popoli insorgesse?

Chi farebbe scoppiare il primo ordigno atomico?

Il nostro tempo sulla Terra non riguarda solo i nostri settant’anni, perchè anche il tempo sulla Terra dell’umanità, e quello di tutte le altre specie, è condizionato dall’uso delle armi atomiche.

E’ già da un bel po’ di tempo che i governi o, se non loro, l’umanità dovrebbe domandarsi perché esistono le armi atomiche e quando potrebbero essere usate senza causare la distruzione della vita sulla Terra.

Perchè non è questo il problema dei nostri giorni, invece, per esempio, dei gabinetti transgender o tutte le altre fake news su cui si concentrano i media prezzolati?

Gli articoli di Saker e di Chris Hedge, due individui sagaci, ci fanno capire come nessuna delle due superpotenze sia in grado di prendere le decisioni migliori, decisioni che devono essere dettate dalla democrazia e non dai voleri degli oligarchi, contro cui nessun governo eletto può resistere.

Se così fosse, sarebbe la fine dell’umanità.


Fonte: www.paulcraigroberts.org

Link: https://www.paulcraigroberts.org/2018/06/30/the-two-superpowers-who-really-controls-the-two-countries/

Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org
Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh