Print Friendly, PDF & Email

militant

Quegli applausi mai sentiti

di Militant

Gli applausi, bisognerebbe dire anzi la vera e propria ovazione, che il popolo di Genova presente ai funerali di ieri ha tributato al governo, a Salvini e Di Maio, sono un evento senza precedenti. Mai di fronte a una tragedia pubblica il governo ne è uscito così sostenuto, da un popolo vero, in carne e ossa, con tutte le sue tragiche contraddizioni. Siamo di fronte ad un cambiamento epocale – lo abbiamo già detto? – che ogni giorno viene confermato da un fatto nuovo e clamoroso. Provate a chiedere alle migliaia di vittime delle multiformi catastrofi del nostro paese – di ogni paese. Bombe fasciste e terremoti, alluvioni e terrorismo, stragismo mafioso o calamità naturali: mai il sentimento di rivalsa di un paese si è rispecchiato così fortemente nella sua classe politica di governo.

Non basterà neanche questo ai discepoli del politicamente putrefatto per cambiare strategia, cogliere la novità tellurica al fondo di questo sostegno popolare. Ovviamente quegli applausi sono un problema, non l’inizio di una riscossa popolare. Ci raccontano, da una parte, di quanto in profondità abbia scavato la rabbia anti-liberista e anti-establishment, e dall’altra ci raccontano dei clamorosi limiti di questa rabbia, convogliata verso un governo a cui si delegano fideisticamente i propri propositi di rivalsa.

Una rabbia che si ferma sulla soglia dell’urna elettorale, che fatica ad esprimersi fuori dai circuiti pacificanti dei social network, che affida all’irrazionalità del risentimento la difesa del proprio salario e del proprio statuto sociale. Ma questo è popolo vero, anzi, per dirla in termini negriani, vera e propria moltitudine rabbiosa, per certi versi interclassista, per altri accomunata da un impoverimento improvviso e spaventoso, un peggioramento radicale e inaspettato delle condizioni materiali sedimentate nel precedente quarantennio. Un’alleanza sociale di fatto che procede cementando le proprie ragioni sia contro il vecchio ceto politico, sia a favore del nuovo. Cosa opporre a tutto ciò? Da dove ricominciare? Ormai ci sembra difficile pensare una risposta credibile. Siamo – come sinistra – talmente tagliati fuori da questo sentimento di rivalsa, di vendetta atrofizzata e alienata, da non saper più come intrecciare un dialogo con questa società…Lo sappiamo: «i comitati di quartiere, la partecipazione dei genitori nelle scuole, la politica dal basso… Ma sono tutte iniziative pratiche, utilitaristiche, in definitiva non politiche. La strada maestra, fatta di qualunquismo e di alienante egoismo, è già tracciata. Resterà forse, come sempre è accaduto in passato, qualche sentiero: non so però chi lo percorrerà, e come» [P.P. Pasolini, 1975].

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh