Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

tempofertile

Samir Amin, “La sovranità popolare unico antidoto all’offensiva del capitale”

di Alessandro Visalli

Su L’Antidiplomatico troviamo un articolo-intervista all’economista ed attivista egiziano, Samir Amin, di cui abbiamo già letto l’importante saggio del 1973 “Lo sviluppo ineguale”. Nell’intervista, Raffaele Morgantini chiede al teorico dei processi di dominazione nord-sud e del concetto di “sviluppo ineguale” (perché schiacciato dalla forza di dominio della logica intrinseca della competizione e del capitale) quale ritenga sia la natura dell’attuale fase. In linea con la sua essenziale interpretazione, già presentata nei primi anni settanta, Amin risponde di ritenere l’attuale “crisi” come una nuova fase di tendenziale stagnazione (una “L”, anziché una “U”) la cui logica non consente una stabile ripresa. Come vedremo nella lettura del suo libro del 2009 “Crisi”, la sua risposta è dunque di avviarsi nella lunga marcia che possa portare oltre il capitalismo stesso.

Si tratterebbe, in sintesi, del segnale di un esaurimento storico. Ma non di un pacifico declinare, tutt’altro. L’osservatore che instancabilmente ha visto il mondo dal lato della sua parte più debole vede, al contrario, un incattivirsi. Un esasperare la capacità estrattiva (come illustra anche l’ultima Saskia Sassen in “Espulsioni”) che produce da una parte sempre più stagnazione, dall’altra ancora più polarizzazione. L’insieme di polarizzazione e stagnazione non consente di distribuire, sia pure in modo scandalosamente ineguale, benefici passabilmente estesi, e dunque è palesemente insostenibile.

Come vedremo nella lettura di “Oltre la mondializzazione”, del 1999, la fase del capitalismo monopolista (analizzato negli anni sessanta da Sweezy e Baran, tra gli altri), che si è avviata negli anni novanta, e giunge ai termini estremi del suo contraddittorio sviluppo al termine degli anni dieci, vede l’estensione su scala mondiale di monopoli sempre meno fondati sulle tecnologie produttive industriali, ma sempre più su punti di controllo politici. Infatti, come dice riprendendo un denso tessuto di studi che risalgono a Polanyi, “l’economia è incastrata in un iceberg di rapporti sociali di cui la politica costituisce la parte emergente” (ivi, p.108), per cui il capitalismo va compreso come un sistema politico e sociale in cui si innesta la competizione essenzialmente tra i proprietari del capitale di volta in volta dominante. Oggi non è più l’industria, come nel trentennio seguito alla seconda guerra, ad essere il centro di gravità sul quale si concentrano i capitali dominanti e si genera la polarizzazione, con i suoi effetti di potere, ma è il dominio delle tecnologie emergenti, il controllo dei flussi finanziari e della sua dinamica (anche in base al controllo del sistema delle Banche Centrali), l’accesso prioritario alle risorse naturali del pianeta (e la capacità di determinarne il prezzo), il controllo essenziale dei mezzi di comunicazione ed il monopolio della forza di distruzione. Questi monopoli, come detto essenzialmente “extraeconomici”, determinano nel loro insieme l’effetto di costringere tutte le attività economiche realmente produttive allo stato di “subappaltatori” e garantisce una rendita essenziale (e parassitaria) a chi li detiene. Si tratta del largo processo di informatizzazione e robotizzazione, e più di recente di avvio verso la IA di generazione effettivamente produttiva, che induce un crescente accentramento del capitale e il declino del valore (qui sembra di riecheggiare le analisi del gruppo Krisis). Ma non è affatto la tecnologia a “governare la storia”, bensì piuttosto “il conflitto per il suo controllo” (come aveva immaginato Marx nel famoso “frammento delle macchine”).

In questo contesto anche l’emergere di alcuni paesi, nei quali si sta facendo strada una certa classe media che lascia indietro la grandissima parte della popolazione, è da leggere per Amin soprattutto in termini di possibilità crescente o meno di perseguire un percorso di autonomia politica. ovvero di autonomizzazione dalle forme del capitale dominante e non di inserimento subalterno in esse. L’unico paese che rispetta, in parte, questo standard è la Cina, in cui il progetto di innalzamento nazionale della ricchezza e potenza è accompagnato sia dallo sforzo di integrarsi nella mondializzazione (sforzo ambiguo, come risulta dall’analisi contenuta negli altri suoi libri) sia, però, di cercare di esercitare il controllo sulle dinamiche. Questa potenziale indipendenza ne fa il principale avversario del sistema occidentale di controllo del mondo (che include ovviamente il Giappone).

Paesi intermedi sono l’India e il Brasile, che restano essenzialmente nel ruolo di paesi esportatori di materie prime, ma nel quale alcuni mercati stanno emergendo, lasciando indietro la società.

Poi ci sono i paesi semplicemente saccheggiati: quelli arabi, africani e sudamericani.     

Di fronte a questo breve quadro quella che Amin chiama una “tentazione” è di immaginare che “di fronte ad una crisi del capitalismo globale la risposta debba essere egualmente globale”. Una simmetria apparentemente ovvia, ma in effetti causa di sicura sconfitta. Nessun cambiamento, mai, si è dato in questo modo, con una miracolosa sincronizzazione di tutte le situazioni e di tutti i cambiamenti. Al contrario, i progressi “sono sempre partiti da quelle nazioni che costituiscono gli anelli deboli nel sistema globale: progressi differenti da un paese all’altro, da una fase all’altra”.

Contrariamente a quanto da lui stesso in precedenza scritto, ora Amin riconosce, ad esempio, che nel caso europeo è necessario che “la decostruzione si imponga prima della ricostruzione”, ovvero bisogna passare per “la decostruzione del sistema europeo se si vuole costruire un altro su altre basi”. Cioè “occorre uscire dall’illusione della possibilità di ‘riforme’ condotte con successo all’interno di un modello che è stato costruito in cemento armato per non essere cosa diversa da ciò che è. La stessa cosa per quanto riguarda la mondializzazione neoliberale. La decostruzione, che si chiama qui disconnessione, non è certo un rimedio magico e assoluto, che implicherebbe l’autarchia e la migrazione fuori dal pianeta. [Ma] La disconnessione chiama al rovesciamento dei termini dell’equazione: invece di accettare di adeguarsi unilateralmente alle esigenze della mondializzazione, si tenta di costringere la mondializzazione ad adeguarsi alle esigenze dello sviluppo locale”.

Dunque “decostruzione” di ciò che è costruito per essere adatto solo al modello del capitale neoliberale, e “disconnessione” dal sistema di competizione selvaggia della mondializzazione.

Ma “Disconnessione” significa ovviamente “porre una domanda fondamentale: quella della sovranità. E’ un concetto fondamentale del quale dobbiamo riappropriarci”.

Qui si sta nel centro di un largo conflitto, e con Samir Amin in modo del tutto consapevole. La storia non è, infatti, “determinata dallo svolgersi infallibile delle leggi dell’economia ‘pura’. [ma] è prodotta dalle reazioni sociali alle tendenze espresse da tali leggi, che a loro volta definiscono i rapporti sociali al cui interno esse operano” (Amin, “Crisi”, p. 155). Del resto queste presunte “leggi”, altro non sono che il profitto. Dunque l’avvenire non è predicibile, dipendendo da un complesso gioco di azioni e reazioni nelle quali “il caos è tanto naturale quanto l’ordine”, in sostanza l’emergenza di uno o l’altro è sempre eventuale. Dunque la critica che Amin avanza, da lungo tempo, alle impostazioni di Manuel Castells (“La nascita della società delle reti”) e Negri (“Impero”) è che questa presunta emergenza è sempre strutturalmente subordinata alla logica capitalista dominante. Il discorso sulle “moltitudini” finisce per essere alla fine una versione un poco naif del discorso neoliberale dominante, imperniato su “the people” (la gente), che riduce la società alla semplice somma degli individui che la compongono. Si tratta di “illusioni che sono nel migliore dei casi di una sconcertante ingenuità” (p.157).

Dunque “sovranità di chi?” Se la società insediata in uno spazio, quindi con dei confini e dei poteri propri, è più della somma degli individui che la compongono, si tratta di capire quale è la fonte della sovranità nazionale che si ricerca: quella che si limita all’espressione delle classi dirigenti, rivolta contemporaneamente a rendere utile e disciplinato i corpi dei lavoratori e al rafforzare la competizione verso altri centri analoghi. Oppure la forma di nazionalismo che si è vista talvolta all’opera nelle periferie del mondo, rivolta contro le forme di oppressione imperialiste, cioè “contro la logica della mondializzazione imperialista attuale”?

In Europa, l’esperienza storica (e la sua narrazione) conduce a confondere ogni forma di nazionalismo nella versione del primo tipo, ed a vedere al converso il potere sovranazionale (europeo) come di per sé progressista e democratico. Anche quando si comporta come ha fatto con la Grecia.

Ma la sovranità di cui parla Amin è a tutta evidenza un’altra. Si tratta della sovranità popolare ad esempio ricercata da Lelio Basso (che cita spesso) che cerca di far arretrare l’imperialismo capitale mondializzato.

Come ammette subito, si tratta di qualcosa “non facile da immaginare, perché attraversata da contraddizioni”. Si tratta in sostanza del progetto di trasferire “il massimo dei poteri alle classi popolari”, e di farlo democraticamente per giungere ad un mondo effettivamente multipolare. Questo potere si manifesta a livello locale, e trova forma compiuta nel livello statale che è ancora, e sarà a lungo, “il luogo delle decisioni rilevanti”.

Come diceva Lelio Basso nel 1978, “la battaglia per la democrazia nei singoli paesi deve essere prioritaria rispetto ai fini federalisti” (parlando del progetto europeo ad un Convegno su Spinelli ed in polemica con quest’ultimo, che pure era suo amico).

È dunque la ricerca di una “sovranità popolare, progressista e internazionalista”. 

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh