Print Friendly, PDF & Email

militant

Il governo d’opposizione

di Militant

I sondaggi vanno sempre presi con le molle, soprattutto quando le elezioni sono ancora lontane, eppure i rilevamenti della Swg pubblicati ieri, e che danno il blocco populista stabile al 60%, sembrano essere più che plausibili anche per gli osservatori poco attenti alle cose della politica. Si tratta di numeri in linea con le chiacchiere che ascoltiamo nei bar o mentre facciamo la fila alla posta. Percentuali che sono in sintonia con la pancia di un Paese impoverito in cui cova il rancore più che la rabbia, e che ci restituiscono l’immagine di un quadro politico evidentemente bloccato, anche se niente affatto stabilizzato.

A prima vista potremmo pensare di trovarci di fronte ad una sorta di paradosso, uno di quei fenomeni anomali della politica destinato a sgonfiarsi velocemente non appena tornerà finalmente a prevalere “la ragione”, magari grazie proprio all’intervento di Bruxelles. Un auspicio, a leggere gli editoriali sui giornali, condiviso tanto da destra quanto da sinistra, ma che corre seriamente il rischio di rimanere tale. Viene generalmente sottovalutata, infatti, la capacità del populismo di restare all’opposizione anche quando sale al governo, addossando a questo o quel nemico “esterno al popolo” l’impossibilità di realizzare quanto aveva promesso, sia esso una multinazionale, un’agenzia di rating o qualche disperato su un barcone nel mediterraneo.

D’altronde cos’è il “popolo” se non la costruzione tutta politica di un “noi” e un “loro”. La vicenda del ponte di Genova è da questo punto di vista è davvero emblematica, con la capacità dimostrata di incassare e capitalizzare politicamente tanto gli applausi ai membri del governo durante i funerali, quanto i fischi di ieri contro Regione e Comune e a cui Di Maio si è subito idealmente associato mettendosi “dalla parte dei cittadini”. Del resto in questi suoi primi mesi di vita il governo giallo-verde non ha fatto ancora praticamente nulla per il blocco sociale di cui è espressione, anzi, ha addirittura bloccato i fondi che erano precedentemente destinati alle periferie, dove pure raccoglie gran parte dei suoi consensi, eppure non solo non ne ha pagato dazio, ma continua a rafforzarsi. Lo stesso discorso potrebbe essere fatto per le sparate di Salvini contro le occupazioni a scopo abitativo, per l’estensione della “legittima difesa” o per i taser dati indotazione alla polizia. L’odio nei confronti della vecchia classe dirigente in questo momento è però talmente forte da superare perfino le contraddizioni più evidenti, e se qualcuno proverà a rieditare una qualche forma di centrosinistra (magari con un PD derenzizzato) finirà con lo scavare un solco ancora più profondo tra sè e le classi subalterne.

fShare
4
Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh