Print Friendly, PDF & Email

contropiano2

Governo Conte, il “compromesso storico” tra fasciorazzismo e Unione Europea

di Dante Barontini

Sei tecnici, sette grillini e sei leghisti. Il compromesso che regge la composizione del governo “politico” è trasparente fin dall’equilibrio delle componenti nella squadra. Solo che “i tecnici” occupano le caselle chiave – presidenza del consiglio, economia, politiche europee, esteri, difesa, più l’ambiente per altre ragioni – da cui si controllano e gestiscono i rapporti con l’istituzione sovraordinata, l’Unione Europea. Mentre grillini e leghisti si insediano in ministeri che dipenderanno, per poter funzionare, da risorse che sta ad altri erogare o mettere a disposizione.

Sbrigativamente, Enzo Moavero Milanesi agli esteri ha il compito di tranquillizzare il resto della Ue sul fatto che l’Italia non darà strattoni insopportabili alla struttura comunitaria. Può garantirlo come silenzioso ex ministro delle politiche comunitarie nei governi di Mario Monti ed Enrico Letta, i più eterodiretti degli ultimi otto anni.

Giovanni Tria all’economia copre la casella più sensibile in modo sufficientemente elastico. Nella sua produzione recente, infatti, sposa a volte le critiche alla moneta unica (e alle politiche della Germania) avanzate da Paolo Savona ma, pur ritenendo l’uscita dall’euro una possibilità teorica, ha sempre considerato questa eventualità un rischio troppo alto, con troppe variabili negative. Ha scritto libri insieme a Renato Brunetta, quindi è ben visto negli ambienti berlusconiani, tanto da sposare l’ipotesi flat tax fin da tempi insospettabili, finanziandola con aumenti dell’Iva che andrebbero a ridurre sensibilmente i consumi popolari.

Diciamo che la sua posizione nell’Eurogruppo – il consiglio dei ministri economici dell’eurozona – sarà un po’ meno sdraiata di quanto non sia stata quella di Padoan e predecessori, ma non così ruvida e “divisiva” quanto quella di Paolo Savona.

Quest’ultimo rappresenta da solo la piccola vittoria di Salvini sul piano del rapporto con l’Ue, visto che si insedia nel ministero apposito. Che non ha poteri decisionali autonomi, ma consente di trattare con l’Unione da una posizione – certamente meno forte che non il ministero dell’economia – sufficientemente fastidiosa nel sollevare problemi quando si sceglie di farlo.

Del resto, la tensione internazionale innescata dai dazi introdotti da Donald Trump anche su acciaio e alluminio europei (con contromisure che stanno per partire da Bruxelles) illumina la nascita di questo governo anche da altri punti di vista. Più d’uno, per esempio, ha sottolineato come l’impennata dello spread, martedì 29, sia stata frenata da massicci acquisti di titoli di stato italiani da parte di fondi di investimento statunitensi. Un modo per contenere la pressione dei “mercati europei” su un paese membro che potrebbe mostrarsi, ancora una volta, più suddito degli Stati Uniti che non della Germania merkeliana.

“Tecnica” anche Elisabetta Trenta, ex ufficiale dell’esercito, vicedirettrice dei master in intelligence e sicurezza presso l’università privata Link Campus; ha partecipato ad attività militari e civili in Italia e all’estero su incarico del ministero della Difesa. Un funzionario esperto, insomma, a cavallo tra funzioni militari e da servizi segreti, che pur essendo “in quota Cinque Stelle” costituisce col suo curriculum una garanzia sul fatto che l’internità al sistema Nato non subirà scostamenti neppure millimetrici.

Sistemate la Ue e la Nato, cosa resta? Tutti gli altri ministeri hanno implicazioni sostanzialmente “interne”. Se avranno le risorse, potranno cercare di realizzare almeno parti del “contratto di programma”, altrimenti dovranno cercare di prendere iniziative sostanzialmente pubblicitarie, a basso costo, ma spendibili nella propaganda.

Da questo punto di vista, ancora una volta, quello che sta messo peggio è Luigi Di Maio. Si è messo alla testa di tre ministeri accorpati in uno – sviluppo economico, lavoro e politiche sociali – nella speranza di poter tracciare qualcosa che somigli almeno alla lontana al “reddito di cittadinanza” tanto atteso al Sud. Non ci addentriamo qui nei dettagli della proposta originale (lo abbiamo fatto già più volte), ma qualsiasi iniziativa su questo terreno è una sicura fonte di spesa, tanto più grande quanto maggiore è la platea interessata (oltre 10 milioni di persone, almeno) e l’entità del “sostegno” immaginato.

Chi sta in una botte di ferro, all’apparenza, è Matteo Salvini. La “sicurezza” si può fare con pochi soldi aggiuntivi (10.000 poliziotti in più, pagati magari riducendo drasticamente le spese per l’accoglienza di migranti e profughi, non sono un costo insopportabile). Ed è fin troppo facile attendersi da subito iniziative “clamorose”, tipo l’espulsione immediata dell’immigrato spenna-piccioni postato ieri sulla sua pagina Fb poco prima di chiudere il patto con Di Maio e Mattarella…

Lo stesso si potrebbe dire per le “politiche della famiglia”, con minacce non velate di metter mano – reazionaria – alla legge sull’aborto e altri diritti civili (anche questi gratuiti, sul piano delle risorse finanziarie).

Lo schema logico è sempre lo stesso, però. Il compromesso con l’Unione Europea e la Nato facilita la neutralità dei “mercati” rispetto al nostro paese, ma al prezzo di politiche di bilancio completamente in linea con Bruxelles. Ossia con zero o quasi risorse per realizzare il “contratto di programma”; anzi, con tagli e “riforme” che dovrebbero andare in direzione completamente opposta (a cominciare dalle pensioni – ci chiedono di tagliare quelle di reversibilità, ricalcolcare anche quelle in essere con il metodo “contributivo”, riducendole così di brutto, ecc).

Sorge immediata, insomma, la necessità di “compensare” questa impossibilità di effettuare il promesso “cambiamento” con misure di grande impatto mediatico e psicologico, ma dal costo irrilevante. Il fasciorazzismo leghista, su questo fronte, ha un arsenale ben più vasto e “populista” della stucchevole litania grillina sui “vitalizi” (da cui verranno ricavati, a conti fatti, quattro spiccioli).

Questo governo ha comunque un vantaggio enorme, mai avuto da nessun governo precedente: non ha un’opposizione parlamentare credibile come alternativa. Né nell’immediato, né in prospettiva. Pd e berlusconiani, infatti, non potranno contestare misure di politica economica concordate fin nei dettagli con la Commissione Europea (pena il farsi a loro volta una impensabile fama di euroscettici tardivi). I berlusconiani, oltretutto, non potranno neanche contestare le misure fasciorazziste e/o bigotte che hanno sempre sostenuto di voler realizzare. Per il Pd (in cui sta per riconfluire anche la finta “sinistra” di LeU, specie se ne esce – come sembra – Renzi) si apre invece un sottilissimo spazio critico, quasi soltanto sui “diritti civili”.

Ma non sarà facile neanche questo. L’ultimo baluardo immaginario all’ondata di destra era stato individuato in Sergio Mattarella, incensato per aver domenica sera sbarrato al strada alla prima versione del governo Conte. Qualche furbo ha fatto breccia nel cuore di qualche ingenuo chamando alla mobilitazione – oggi – in favore del Presidente della Repubblica. Chissà come saranno ridotti ora, nel vedere che le mosse di Mattarella non erano affatto motivate da un “rigurgito antifascista”, ma solo da un ferreo “comando europeista”. Ottenute le correzioni necessari a “rassicurare i mercati”, infatti, ha approvato con un sorriso l’ingresso di Salvini al Viminale. In tempi di lascrime e sangue, un fasciorazzista alla guida della polizia può far comodo anche “all’Europa”…

A noi sembra chiaro che questa situazione, infine, brucia definitivamente ogni residuo spazio per immaginari “contenitori larghissimi” dai contorni vaghissimi, tutti giocati su qualche nome noto e senza forze sociali dietro.

<pC’è invece uno spazio enorme per esercitare – ma sul serio, non nei talk show – una opposizione sociale e politica che non fa sconti a nessuno e prova a costruire ex novo il “blocco sociale” popolare, fatto di tutte le figure sfruttate – in qualsiasi modo e con qualsiasi contratto lo siano – e con qualche idea finalmente chiara sui veri nemici che si trova di fronte: il piccolo capitale perdente di questo paese, ridotto a scommettere sui fasciorazzisti come ultima spiaggia, e il grande capitale finanziario e multinazionale, arroccatto dietro le “istituzioni dell’Unione Europea”.

Facciamo sommessamente notare, ancora una volta, che questo governo è un compromesso tra fasciorazzismo ed europeismo, perfettamente equilibrato tra ministri politici di destra e tecnici di provata fedeltà comunitaria.

E’ ora di rendersi indipendenti da questa melma e alzarsi in piedi per camminare. Ci vediamo in piazza, a Roma, il 16 giugno, per la prima tappa.

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh