Print Friendly, PDF & Email

valigiablu

Il problema di Gramellini non è il caffè, ma la digestione delle critiche

di Matteo Pascoletti

Ieri Massimo Gramellini si è trovato al centro di critiche e indignazione. Sotto i riflettori il suo quotidiano Caffè, per l'occasione dedicato a Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya.

Ora, non è tanto interessante l'analisi dell'impianto retorico dell'articolo, ben simboleggiato dal titolo, Cappuccetto rosso, che evoca un mondo in cui, se nonostante i moniti di mamma (il buon senso italico incarnato da persone come Gramellini stesso) vai nel bosco (Kenya) per dare da mangiare alla nonna (aiutare il prossimo), poi ovvio che becchi il lupo (rapitori negri) e poi il cacciatore (intelligence) deve pure fare gli straordinari (riscatto da pagare). Non è tanto interessante il paternalismo gratuito di chi, rispetto a una cittadina adulta che ha fatto una scelta, quella della cooperazione internazionale, inserita in un contesto più ampio delle semplici "smanie di altruismo", parla di una "ingenua" cui fare, una volta salvata, una doverosa "ramanzina" - neanche fosse una bambina che per mangiare la marmellata fa cadere il barattolo sul tappeto buono. Non è nemmeno interessante che Gramellini, per ammantare di bonaria approvazione (so' ragazzi, via) la scelta di Silvia Romano, parli di "aiutare a casa loro", riprendendo come fosse una massima di senso comune quello che, a tutti gli effetti, è uno slogan di propaganda dell'estrema destra.

Non è interessante, dico, perché Gramellini non è nuovo a scivoloni simili. Nel costante tentativo di dare un colpo con la destra al cerchio e uno con la sinistra alla botte, ogni tanto quello al cerchio gli scappa un po' troppo forte - sarà perché non è ambidestro né mancino? Basti pensare a quando parlò di "Un apartheid non legato a pregiudizi razziali ma a comportamenti illegali" per la proposta di un autobus segregazionista riservato ai rom, perché, come dire, in fondo Rosa Parks il biglietto lo pagava! O quando, dopo la strage di Nizza, scrisse una lettera al "Musulmano non integralista" invitandolo a prendere le distanze, perché giustamente se sei un introverso sunnita di Kabul la tua priorità non può che essere questa.

A essere interessante, invece, è la reazione di Gramellini alle critiche e all'ondata di indignazione. Che è avvenuta in due tempi e modi: prima su Facebook, e oggi con un altro corsivo sul Corriere. Sulla sua pagina Facebook, in un breve post, Gramellini ha in sostanza detto: "visto che mi avete criticato in tanti, mi spiego meglio. Non sapete leggere". Naturalmente non sono mancate ulteriori critiche nei commenti (tra cui le mie), tuttavia Gramellini non ha risposto a nessuno, secondo un'idea abbastanza verticistica dei social media.

Sul Caffè di oggi, dal titolo La riscrivo, Gramellini inizia separando il mondo in due categorie. Abbiamo così le crudeli carogne che lo criticano via mail e gli ipersensibiloni che lo insultano sui social:

Per tutto il giorno mi è toccato rispondere alle mail di lettori che criticavano il mio eccesso di empatia nei confronti della ragazza e degli ideali di gioventù. Mai avrei immaginato che nel frattempo, dentro al mondo dei social, si stesse alzando una marea di segno opposto.

Poi ci introduce a una misteriosa figura, il "Furbacchione", che prende l'incipit di una rubrica e l'attribuisce su Twitter all'autore stesso, creando il fraintendimento. C'è anche chi, dopo accurata indagine, ha scoperto subito il furbacchione.

Infine, sposando quello stesso paternalismo che già non gli aveva portato molta fortuna il giorno prima, ci avverte che bisogna stare attenti al web cattivo:

I social hanno instaurato la dittatura dell’impulso, che porta a linciare prima di sapere e a sostituire la voglia di capire con quella di colpire. Si tratta di una minoranza esigua, ma non trascurabile, perché determinata a usare uno strumento alla moda per condizionare, storpiandola, la realtà. Persone che, in nome del Bene, arrivano ad augurarti di morire. E hanno talmente fretta di fartelo sapere da non accorgersi nemmeno che su Silvia tu la pensi come loro.

Questa parte è interessante - una volta scansato l'impulso a twittare insulti! - perché Gramellini in un certo senso è Cappuccetto Rosso: per nutrire noi povere nonnine con i valori giusti, evidentemente a un certo punto ha sbagliato strada ed è finito nella selva del web cattivo, dove i lupi invece di mangiarlo gli hanno augurato la morte. Resta da capire solo chi sia la mamma i cui consigli non sono stati ascoltati.

Di fronte al nuovo giro di critiche, dal punto di vista di Gramellini le strade ora sono due. La prima: realizzare un video dove legge molto lentamente il Caffè incriminato, scandendo bene le parole, di modo che quegli stupidoni che frequentano i social finalmente capiscano.

La seconda: fermarsi un attimo, separare gli insulti dalle critiche e ascoltare umilmente quest'ultime, capire in cosa il pezzo era irriguardoso, dove c'era victim blaming e perché, domandarsi come avrebbe potuto essere scritto se voleva essere una reprimenda degli insulti a Silvia Romano, e magari scusarsi.

Attendiamo con ansia il video.

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh