Avviso

Ricordiamo agli utenti che gli articoli possono essere inviati per email, stampati e salvati in formato pdf cliccando sul simbolo dell'ingranaggio in alto a destra dell'articolo (nel menù a tendina la voce "Stampa" o "Print" consente sia di stampare che di salvare in pdf).

mondocane

Finalmente qualcosa “dal basso”!

La mossa delle giumente di razza, Giulietto e Antonio

di Fulvio Grimaldi

lista del popoloScricchiolio, brusio, vocio, brulichio, ronzio, cicaleccio, pissi pissi, perfino flatulenze revansciste … Le ultime settimane ci hanno lanciato nella contesa elettorale. Sono quelle in cui i cancelli si aprono e ogni genere di botolo si lancia ringhiando all’inseguimento del coniglio di pezza. Più che il tifo tonitruante di scommettitori e drogati di corse fine a se stesse, sono questi rumorii ad aver fatto vibrare etere, cronaca e storia. Degni di quella che appare come una gara non proprio tra levrieri. (Quei levrieri che consolarono lo zar Nicola II quando, nel 1905 a San Pietroburgo, dovette far abbattere dalla guardia imperiale alcune migliaia di operai e contadini straccioni che ai suoi levrieri osarono contendere i bocconi. Quegli operai e contadini straccioni che, nella storiografia della Mosca attuale, sono diventati turba di farabutti violenti che attentavano alla vita di uno zar buono e saggio, finalmente in procinto di essere proclamato santo nel plauso dei nipoti dei servi della gleba dagli zar così amorevolmente curati).

Sto divagando. Torniamo al brulichio. Brulichio per noi, ché per coloro che lo hanno emesso parrebbe avere il volume e la risonanza delle trombe di Gerico. Sembra che oggi basti riempire un teatro, occupare il palco di una conferenza stampa, vedersi in quattro amici al bar, per ricavarne investiture popolari con la stessa naturalezza e automaticità in cui i re erano tali per grazia di dio e volontà del popolo. Se in Ernest Hemingway la campana di Spagna suonava per l’umanità, qui trillano campanelle per ribaltare il destino di qualche circoscrizione.

 

La zattera della Medusa

C’era una volta… un MDP, diranno subito i miei piccoli lettori (piccoli nel senso dei numeri). E anche un Fassina, un Fratoianni, addirittura un Pisapia. No, ragazzi, avete sbagliato (Collodi mi perdoni). C’era una volta un Brancaccio, con un Montanari e una Falcone, che a quelli sopra citati intendevano fornire il connotato nobile della “società civile”, il marchio DOC e DOP che, come da statuto del politicamente corretto, provengono solo “dal basso”. E autodissoltasi questa ennesima reincarnazione dei belli, buoni, bravi e politically correct, persi tra i sanpietrini delle piazze e tra le fodere dei teatri di Roma gli ultimi brusii, ronzii, pissi pissi dell’annunciata palingenesi nazionale e continentale dal basso, dal medio e dall’alto, c’è rimasto il vuoto. Ma horror vacui, come ammonisce Aristotele, la natura aborrisce il vuoto e, infatti, subito si è manifestato un fenomeno naturale di proporzioni tali da non solo colmare i vuoticini dai quali erano fuorusciti quei brusìì e scricchiolii, ma dei vuoti di proporzioni spaziali.

Trascuro qua volutamente un altro suono, un po’ più corposo, almeno in prospettiva, dei mormorii di questi soliti che vengono e, soprattutto, vanno. Il falcone che s’invola, il montanaro che si perde tra picchi rocciosi. Dei Bersani e Pisapia non mette conto seguire le traccia. Trascuro invece al momento il rumore levatosi dal Teatro Italia, sempre in Roma, ma garrulo di inflessioni da Forcella e Torre Annunziata. Dove l’ex Opg je so’ pazzo ha dato un senso, magari meno chic, ma assai concreto e credibile (a dispetto della presenza di alcune mummie revisioniste e trotzkiste), al concetto “dal basso”, con tanto di voci operaie, precarie, disoccupate, militanti con cicatrici di piazza e argomenti come Jobs Act, Buona Scuola, pacchetto Treu, riforma Fornero, guerre imperialiste. Se usciranno dalla morta gora dell’ipocrisia dirittoumanista che mimetizza la strategia colonialista dell’operazione migranti, da questa “zattera della Medusa” si potrebbe anche intravvedere un lembo di terra.

Quello che, invece, pinocchiescamente c’era una volta, ma che non ha voluto privare di sè il genere umano, il presente e il futuro della patria, la convivenza tra i popoli e l’equilibrio degli astri, è Giulietto Chiesa. E, con lui, Antonio Ingroia. Da autentici cavalli di razza quale altro motto potevano far cavalcare a una creatura che prometeicamente accenderà il fuoco nei nostri animi e sotto i fondoschiena dei nostri nemici, tinteggiando di futuro purpureo l’orizzonte meglio del sol dell’avvenir, se non “la mossa del cavallo”, che è quella con la quale Bluecher annichilì Napoleone?

 

Cogliendo fior da fiore

Non scherziamo. Si tratta di galantuomini di sicuro affidamento, garantito da impeccabile passato. Uno già magistrato, apprezzato PM accanto a Borsellino e Di Matteo nel processo allo Stato mafizzato e, per converso, alla mafia statizzata (gliene restiamo grati). Prezioso ma volatile. Dopo un rapido andata-ritorno tra Palermo e Guatemala per conto ONU, in meno tempo di quanto occorra per farsi Roma-Ostia-Roma, dopo uno scazzo con il CSM, lo si è visto saettare in altrettanto rapido andirivieni tra candidatura politica a capo di Rivoluzione Civile e ritorno in magistratura ad Aosta e nuovo ritorno alla politica come capo della più tranquilla Azione Civile. Ma l’uomo non ha pace, un po’ si avvicina al governatore PD Crocetta, che gli fa continuare il carosello ruotandolo tra capo di “Sicilia Servizi” e commissario della Provincia di Trapani, un po’ lo si vede alle assise del fu PdCI. Intanto fa l’avvocato, a non disdegna di tracciare la penna sul “Fatto Quotidiano” dove a volte perde la brocca e si aggroviglia in questioni che da ex Pm dovrebbe approfondire meglio. Tipo quando s’intruppa con la solita veemenza nelle brigate del “Giulio Regeni Martire”, scordandosi di indagare sui trascorsi del giovanotto alle dipendenze di masskiller e spioni e trascurandone le implicazioni geopolitiche di non limpidissima trama.

L’altro cavallo di razza è il giornalista dal lungo e variato passato professionale Giulietto Chiesa. Riassumo e noterete la linearità del percorso: Federazione PCI di Genova, scazzo con il partito ligure, passaggio all’Unità di cui è inviato a Mosca per le Olimpiadi del 1980. Da lì in poi brillante carriera di russologo da una sponda all’opposta: La Stampa, Galatea, Megachip, MicroMega, Il manifesto, Latinoamerica. Importante è stata anche la sua lunga collaborazione con il Tg5. Quella di cui poco ama parlare è stata, ai tempi di Eltsin, la collaborazione a Radio Liberty/Radio Free Europe, l’emittente CIA per i paesi dell’Est europeo. L’attenuante che adduce e che non è possibile provare che ne sia stato compensato. Sempre che attenuante sia il volontariato per simile testata. Scrive un libro e realizza un dvd in cui trasferisce in italiano le validissime riserve, perplessità e controdeduzioni che negli Usa si avanzano nei confronti della vulgata ufficiale sugli attentati dell’’11 settembre. Ma se in quel momento condivide la tesi dell’autoattentato e della demolizione controllata, successivamente recepisce quella, propalata da Washington, del lavoro a guida saudita, con tanto di dirottatori in volo.

Lo incontro per un viaggio di tre ore tra Roma e Gubbio in cui mi informa, per 120 minuti, della prossima nascita di una sua TV satellitare all-news che sarà la CNN italiana. I fondi stanno arrivando. Dopo un po’ nasce la web-tv Pandora. Di CNN italiana non si parla più. Ma, come in Ingroia, l’uzzolo della politica politicata infetta l’uomo e gli prospetta orizzonti non meno grandiosi della CNN italiana. Con “La mossa del cavallo” siamo al terzo tentativo di imporsi con un partito sulla scena politica nazionale, dopo ”Bene Comune” e “Alternativa”, il cui esercito di followers a livello nazionale è sempre rimasto quello dei passeggeri di un autobus. Si estingue, purtroppo rapidamente, sotterrato dall’ego eccessivamente misurato del creatore, la positiva iniziativa anti-Nato lanciata con il concorso di alcuni parlamentari fuorusciti dai 5 Stelle, presto defilatisi. Ma ecco ora, finalmente, il fatto palingenetico, appunto la mossa del cavallo, il “partito non partito contro tutti i partiti” (così Ingroia) che si farà partito per le prossime elezioni. Roba da far tremare i polsi e cambiare, capovolgere, riscattare lo scenario politico nazionale, non solo.

Vediamo chi c’è. I dioscuri, ovviamente, Chiesa e Ingroia. Poi l’avvocato Diotallevi, prezioso per eventuali controversie legali, il generale dei carabinieri Nicolò Gebbia e l’ex-generale dell’esercito Fabio Mini, una doppia garanzia patriottico-securitaria, lo scrittore Nikolai Lilin, la realtà romanzata al potere (“Educazione siberiana”), l’illustre medievalista Franco Cardini, l’attore, scrittore e umorista David Riondino, che aggiunge l’ilare nota comica e riduce di un tantinello un’età media che viaggia verso gli 80, e, incredibile dictu, l’ex-sostenitore di Beppe Grillo e del M5S Aldo Giannuli (Incredibile dictu est quam celeriter Hannibal, apud Zamam a Scipione victus, Hadrumetum pervenerit. Dove Cicerone rimane perplesso della velocità con cui Annibale sia passato da un posto all’altro). Resta uno dei misteri d’Italia cosa di meglio Giannulli, che nella compagnia spicca luminoso, abbia trovato in questo campioncino di salvatori della patria rispetto ai 5 Stelle di cui è stato per anni saggio amico e puntuale critico.

Come si può già intuire, questo mazzetto di virgulti, devoti al moto di Mao “che mezza dozzina di fiori fiorisca”, non si cura di obsoleti requisiti, tipo omogeneità ideologica , affinità culturale, sintonia politica. Abbiamo due cattolici, conservatori fino all’integralismo, come Cardini e Diotallevi. Si fondono un eversore dell’establishment come Giannuli, con un avventuriero della penna e dello spionaggio occidentale come il sedicente siberiano Lilin, dalla biografia fantasmagorica tra combattente in Cecenia, migrante siberiano di stirpe Urca, testa di cuoio in Iraq (un critico l’ha definito “la bufala che venne dal freddo”). Poi uno scavezzacollo della satira come Riondino e due generali: un carabiniere che spara a zero sui massoni e l’altro che ha il merito indiscusso di pettinare contropelo le strategie della NATO, però lisciando il pelo alla visione del mondo sancita nelle sacre scritture della civiltà occidentale come intesa alla Nunziatella..

 

Fondi, fondi e vedrai che scappa fuori l’oro

Tra i microrganismi del paleolitico che stanno proliferando in luoghi che ci si ostina a definire di sinistra, questo mi affascina più degli altri. Compensa una inesistente e probabilmente ormai obsoleta omogeneità politico-culturale e di vita vissuta con una fantasiosa varietà di efflorescenze (come auspicato da Mao) ed esperienze che, nell’abraccio dell’immenso ego di Giulietto Chiesa, troveranno sicuramente una felice composizione. Alle quattro severe stellette dei generali in marcia fanno da controcanto le acrobatiche e spigliate invenzioni di un narratore di ambienti ed eventi equivoci, peraltro più volte sbugiardato, per quanto invece accreditato dal noto Roberto Saviano, forse in cambio di qualche tatuaggio siberiano. Stessa fantasmagorica diversità tra i puntuti sberleffi dell’umorista Riondino e le solenni liturgie del trappista Cardini (vedi un suo testo sacro in calce). E che dire dei fuochi d’artificio che esplodono nell’incontro tra un magistrato capace di saltabeccare di mestiere in mestiere, per un totale di mezza dozzina in un battere d’anni e un giornalista che sa muoversi con grazia e perizia tra testate di opposte fedi politiche, tipo L’Unità e Radio Liberty e che nasce nella Federazione del PCI e finisce candidato al governo d’Europa in Lituania.

Il mondo è bello perché vario, ma il tasso di varietà che a questa armonia di difformi porta l’avvocato Alessandro Diotallevi rasenta il sublime: incontro tra un sax e un’ocarina in un concerto di Coltrane. Chi è Alessandro Diotallevi ?E’ tantissime cose.Tutte indispensabili a caratterizzare in modo incisivo, al limite del lapidario, l’intero drappello in marcia verso quella che a buona ragione si potrà prevedere una Terza Repubblica. Intanto è un italiano libero e forte, a dispetto dell’età e dei 17 anni trascorsi come consigliere alla Camera dei deputati, in quanto presidente del Comitato Tecnico Scientifico degli “Italiani Liberi e Forti” (ILEF). Al “cavallo della mossa” ne verranno forza e anelito di libertà.

Poi è socio fondatore di DEconflict, un organismo che “si propone di contribuire alla crescita della cultura della pacificazione”, cultura che, viste le diversità che s’incontrano nel nuovo movimento, non potrà che fargli del bene. E siccome la pacificazione, seppure nel fuoco della palingenesi annunciata, deve essere un pranzo di gala (e qui la rivoluzione ingroian-giulettiana rinnega Mao) ecco che risulta determinante che Diotallevi sia socio anche dell’Accademia del Cerimoniale, alto consesso dei capi del Cerimoniale del Quirinale e di Palazzo Chigi. In quanto a protocollo nazionale, comunitario e diplomatico, qualsiasi altra formazione politica farà la figura del bifolco a fronte della mossa di un cavallo addestrato da Monsignor della Casa.

Non finisce qui. Diotallevi è un vaso di Pandora. Accanto al generale Repetto (qui le stellette sono una galassia) nel CLM, Comitato di Liberazione Municipale, lo sostenne nella corsa al Campidoglio contro Virginia Raggi. Corsa che neanche i radar ci dissero mai dove fosse finita. L’elenco non finisce qui, l’uomo una ne fa e cento ne pensa. Chiudiamo con la sua partecipazione a “Persona è Futuro”, titolo criptico solo per chi non è addentro alle cose di Giulietto e Antonio, perché di politica qui si tratta, tale da investire di sé l’intero cavallo e la sua mossa.

“Persona è Futuro” è un consesso che ci tiene a questa UE, per quanto Giulietto, alla conferenza stampa ci abbia fatto sapere che l’Europa va rifatta da capo a coda. Ma sono contraddizioni interne al popolo. Come lo sono il principio di PèF secondo cui “i cardini della democrazia europea sono i partiti, perché contribuiscono a formare la coscienza politica europea e a esprimere la volontà dei cittadini”, a fronte del proclama di Ingroia: “Non siamo un partito, non saremo mai un partito, siamo contro tutti i partiti”. Se poi poniamo la celebrata russofilia giuliettiana accanto alla diotalleviana analisi geopolitica sulla deprecabile “assertività di Putin in politica estera, la sua presidenza muscolare”, o sull’altrettanto deprecabile “disimpegno dalla regione di Obama” di fronte alle “ambizioni imperiali della Russia in Medioriente”, memori “dell’alto valore ideale che dalla Prima Guerra Mondiale accompagna l’interventismo americano nei teatri di conflitto (sic! sic! sic!), abbiamo capito tutto. O niente.

La capacità di comporre gli opposti in un unico canto mette in ombra quanto i democristiani, classe politica che, sotto varie denominazioni, ha tenuto in mano e per mano il paese dalla sua fondazione (salvo per un intervallo di vent’anni), hanno saputo raggiungere in termini di convergenze parallele. Chi dovesse adontarsene è solo un meschino dall’ego modesto, invidioso di autentici titani di una dialettica in cui tesi e antitesi raggiungono una sintesi di fronte alla quale a Hegel non rimarrebbe che dire chapeau!

Qualcuno, alla luce delle sue variazioni sui temi, di Giulietto ha detto che non si sa mai con chi sta. Ma anche se stesse con qualcuno, nessuno se ne accorgerebbe.

Comunque continuate a guardare PandoraTV: qualcosa di buono ne esce.

* * * *

Spunto ideologico della Mossa del cavallo

« La nuova primavera coranica, alla quale stiamo assistendo in questi anni, è una benedizione per il mondo: anche, e soprattutto, per le altre due fedi abramiche. La Modernità occidentale ha provocato un dilagare dell’agnosticismo e dell’ateismo che peraltro ha messo in crisi la fede in Dio, ma non ha affatto debellato forme di paganesimo che sono risorte (…) I credenti nel Dio di Abramo di tutto il mondo non possono che salutare nel rinascimento musulmano -al di là dei fenomeni politici che lo accompagnano ma che restano solo equivocamente collegati a esso- una riscossa della fede che solo alcuni lustri or sono era insperabile. (…) I fedeli non possono che guardare con speranza e fiducia a ogni luogo nel quale si adori e si preghi Iddio onnipotente, Creatore del Cielo e della Terra, e si rinsaldi giorno per giorno il patto che Egli ha stipulato con Abramo e al quale è rimasto fedele. Il Dio di Abramo, di Mosè, di Gesù e di Muhammad. » (Franco Cardini)

Pin It

Add comment

Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.


Security code
Refresh